Sei in Archivio

economia parma

Iren, trimestre in frenata. A pesare è l'inverno mite

Filiera energetica: calano ricavi e utili. Bene gli altri settori

16 maggio 2014, 09:45

Iren, trimestre in frenata. A pesare è l'inverno mite

Il gruppo Iren ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 51,3 milioni in calo del 38% rispetto a 82,7 milioni registrati nello stesso periodo 2013, su ricavi pari a 903 milioni da 1.106 milioni nell'analogo periodo dell'anno precedente (-18,3%).
«L'andamento climatico e la nuova regolamentazione del settore gas impattano sulla dinamica delle performance operative della filiera energetica - sottolinea la società in una nota - con effetti parzialmente compensati dai risultati positivi dei settori Idroelettrico, Ambiente e Servizio idrico integrato».
In particolare, prosegue la società «l’imprevedibile mitezza della stagione invernale appena conclusa, ha comportato un calo eccezionale dei volumi venduti di gas (-25%) e di calore per il teleriscaldamento (-18%). Il perdurare della situazione di overcapacity degli impianti termoelettrici, legata ad una contrazione della domanda nazionale di energia elettrica e alla maggior incidenza delle produzioni da fonti rinnovabili, ha determinato un calo straordinario del prezzo dell’energia elettrica, che ha toccato il minimo degli ultimi otto anni. Questi fattori sono stati solo in parte compensati da un incremento delle produzioni idroelettriche (+56% rispetto ad una media nazionale del +34%) oltre che dalla crescita del settore Servizio idrico integrato e del settore Ambiente. Buone notizie, infine, dalle performance finanziarie che hanno fatto registrare un flusso di cassa positivo e confermano il miglioramento progressivo della posizione finanziaria netta».
Il margine operativo lordo (Ebitda) si attesta a 203,3 milioni di euro, segnando un calo (-17,3%) rispetto a 245,7 milioni del primo trimestre del 2013 principalmente per effetto delle performance della filiera energetica. Le attività regolate fanno segnare un risultato in leggera crescita rispetto ai primi tre mesi del 2013. Nel primo trimestre 2014 è stata inoltre realizzata una plusvalenza pari a circa 12 milioni di euro e legata al fondo immobiliare costituito nel 2012.
Il risultato operativo (Ebit) è pari a 128,7 milioni di euro, in contrazione rispetto a 175,9 milioni di euro registrati nel primo trimestre 2013.
«Lo scenario macroeconomico nell’area euro del primo trimestre 2014 sta confermando le previsioni di una modesta ripresa dell’attività economica - viene sottolineato nella nota di Iren -. Tuttavia, l'orientamento ancora restrittivo della politica fiscale in molti Stati membri, le condizioni stagnanti del mercato del lavoro e la conseguente bassa dinamica del reddito disponibile determineranno una persistente debolezza dei consumi delle famiglie. In tale conte, la strategia di breve termine del gruppo si focalizza sul mantenimento della reddittività, anche attraverso il perseguimento di significative sinergie gestionali, sul consolidamento della presenza nei settori regolati, oltre al rigoroso presidio della propria stabilità finanziaria ed all’ottimizzazione del portafoglio investimenti, con particolare attenzione ad opportunità di sviluppo selettivamente individuate». r. eco.