Sei in Archivio

Top news

Kakà: "Milan, ti aiuterò a ripartire"

16 maggio 2014, 19:00

Kakà:
Non è ancora ufficiale la permanenza di Ricardo Kakà al Milan nella prossima stagione, ma le parole del brasiliano a Milan Channel cancellano tutti i dubbi.
 
"Bisogna partire dalla storia del Milan, dai valori, è una società che ha una grande storia, penso sia giusto ripartire da lì. Penso di poter dare il meglio e rendere al 100% nel ruolo di trequartista. I migliori anni della mia carriera li ho fatti qui. Non mi sono mai pentito di essere tornato. Avevo fatto una scommessa con me stesso di andare al Mondiale, non è successo ma non sono triste perché ho fatto tutto per andarci. Non è arrivata la convocazione ma sono arrivate tante altre cose: a parte l'infortunio di Torino quest'anno ho giocato tanto, a Madrid non giocavo mai tre o quattro partite di fila, ho ritrovato la gioia di giocare".
 
Il verdeoro si concentra su alcuni dei suoi compagni di squadra: "Mi farebbe molto piacere vedere El Shaarawy in porta con un mio assist. Avere una stagione come la sua è davvero difficile. Adesso lo vedo bene e spero che faccia presto un gol. Hachim Mastour lo sento vicino, tecnicamente è molto forte. Dobbiamo avere un po' di pazienza, farlo inserire, ha un gran talento, ha qualcosa di diverso. Penso sia importante avere un riferimento e sono contento di essere un riferimento per i giovani, anch'io da giovane ne avevo. Spero di trasmettere loro la mia esperienza. Balotelli? Sta maturando moltissimo e questo è importante per lui e per la squadra. In questo periodo lo vedo molto concentrato, questo lo aiuterà moltissimo".
 
Poi una critica all'Italia: "Le questioni di calciomercato mi fanno molto male. Credo sia nella cultura italiana parlare del futuro, ma questo crede un'ansia a tutti e anche a noi. Non basta dire io rimango. Da quando ero qua e sono andato a Madrid si sono sempre diffuse voci di mercato su di me, mi hanno "venduto" tante volte. Questo genera solo ansia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA