Sei in Archivio

colpi notturni

Ladri al bar e dal coiffeur: furti in via La Spezia

Al Karibu bottino limitato ma qualche danno. Da Chioma spariti pc portatili e iPad

16 maggio 2014, 09:26

Ladri al bar e dal coiffeur: furti in via La Spezia

Un bar trendy e un parrucchiere alla moda. I ladri si sono concentrati su due esercizi attigui, in via La Spezia.
Nella notte fra lunedì e martedì prima hanno fatto visita ai locali del Karibu City Bar al civico 86, portando via un po' di contanti lasciati come fondo cassa, poi sono penetrati nel negozio «Chioma», lì accanto, da dove hanno fatto sparire alcuni computer portatili e degli iPad. Prima di lasciare gli esercizi, i «soliti ignoti» hanno provveduto a smantellare, in entrambi, i registratori della videosorveglianza per neutralizzare la prova telecamere.
La scoperta dei furti è avvenuta la mattina successiva, al momento dell'apertura.
Al Karibu i ladri (o il ladro) sono entrati forzando una finestra sul retro, quella della cucina, che dà su un piazzale interno - rispetto a via La Spezia - adibito a parcheggio e su cui affacciano altri esercizi e negozi. «Abbiamo visto le impronte delle scarpe sul muro sotto la finestra e sul pavimento bianco», spiega una delle due socie che gestiscono il bar.
«Hanno distrutto una zanzariera e fatto altri piccoli danni prima di concentrarsi sulla zona del bancone: lì hanno rovistato nei cassetti, hanno messo a soqquadro i registri, buttato per aria tutto. Hanno trovato un po' di soldi».
Poi si sono diretti nel magazzino dove hanno sottratto alcuni oggetti personali delle due ragazze e dove, soprattutto, hanno messo fuori uso le apparecchiature di videosorveglianza.
Conoscevano bene i locali? «Può darsi». Fatto sta che ieri mattina al momento dell'apertura, un quarto d'ora prima delle 7, hanno trovato la sorpresa..
La stessa che si è trovato di fronte il ragazzo che effettua normalmente le pulizie al «Chioma»: il giovane si è immediatamente reso conto che durante la notte erano entrati i ladri e ha avvisato il titolare. Che racconta: «Fortunatamente non hanno danneggiato nulla all'interno del negozio. Hanno forzato la porta sul retro e poi si sono aggirati nei locali con una certa padronanza, non senza avere provveduto a staccare l'allarme. Dopodiché hanno manomesso il registratore della videosorveglianza».
Insomma, dei professionisti abili e sicuri sul da farsi: «Sono andati via con qualche pc portatile, degli iPad...». Soldi? «No, non ne tengo mai in negozio. Ma l'importante è che non abbiano fatto danni alle attrezzature. Nemmeno la porta ha subito un'effrazione troppo consistente. Del resto ormai sono bravissimi, basta una carta di credito e, se la porta non è blindata, il gioco è fatto...».