Sei in Archivio

salso

Riaperte dopo i vandalismi le isole ecologiche elettroniche

L'assessore Trevisan: «Alla collettività, quegli atti sono costati 15 mila euro»

di Manrico Lamur -

16 maggio 2014, 09:29

Riaperte dopo i vandalismi le isole ecologiche elettroniche

Sono terminati nei giorni scorsi i lavori di ripristino delle isole ecologiche a scomparsa e ad apertura elettronica di via Dalla Rosa e di viale Cavour resisi necessari a seguito dei danni causati da ripetuti atti di vandalismo.
Presentate con grande enfasi nel febbraio del 2008 all’epoca dell’amministrazione Tedeschi, tali strutture, che erano nate per la raccolta di vetro, plastica e barattolame, rifiuto organico e rifiuto indifferenziato da parte di residenti e titolari di attività commerciali ubicate in tali zone, giacevano da parecchi mesi pressoché dimenticate ed in stato di abbandono a causa di ripetuti danneggiamenti. A salvarsi dall’incuria e, soprattutto, dalle mani dei soliti ignoti solo l’isola ecologica di piazza Battisti, ubicata tra le vie Milano e Marzaroli.
Le eco-isole di viale Cavour e via Dalla Rosa erano inservibili da diverso tempo: la prima si presentava con il lettore ottico di scheda distrutto, segno tangibile di un atto vandalico, che rendeva l’intera struttura inservibile.
A testimonianza dello scorrere del tempo, inoltre, una delle tre piccole torri era coperta addirittura da un piccolo strato di muschio. Stessa sorte caratterizzava la seconda eco-isola: in questo caso, la colonna del lettore ottico era stata coperta da un telo verde prima che i soliti ignoti sradicassero letteralmente dal terreno la colonna utilizzata come lettore ottico per l’inserimento della scheda di apertura dei contenitori.
«Gli atti di vandalismo compiuti ai danni delle isole ecologiche a scomparsa costeranno alle tasche dei cittadini poco meno di 15 mila euro – afferma l’assessore all’Ambiente Marco Trevisan –. Con i lavori di ripristino è stato eliminato il sistema “touch screen”, pertanto sarà sufficiente inserire la tessera magnetica nell’apposita fessura per aprire il contenitore desiderato. L’apertura durerà all’incirca un minuto, prima che si avvii la fase di chiusura, per consentire il conferimento del rifiuto».
E’ possibile richiedere il tesserino magnetico, che è necessario anche ai titolari di attività commerciali per accedere all’isola ecologica di via Macello, all’Ufficio tecnico comunale con semplice domanda in carta libera.