Sei in Archivio

carabinieri

La casa dei genitori trasformata in bazar della droga: arrestato

In manette un 19enne cubano considerato il pusher dei giovanissimi tra Langhirano e Lesignano

17 maggio 2014, 14:10

La casa dei genitori trasformata in bazar della droga: arrestato

Quando il cane dell'unità cinofila dei carabinieri è entrato in casa, in via Riccò, ha puntato dritto alla camera del figlio dei padroni di casa. Direzione armadio, per la precisione. Dietro, un 19enne cubano aveva ricavato di nascosto dai genitori una serra attrezzatissima per la coltivazione di canapa indiana. Sette piante e cinque semi, quelli sequestrati dai carabinieri di Langhirano, in trasferta a Parma per seguire le tracce del pusher che riforniva i ragazzini tra la capitale del prosciutto e Lesignano. Ma quello era il "bottino" minore: oltre alla canapa indiana hanno trovato 381 grammi di hashish già diviso in 38 ovuli, 100 grammi di marijuana, soldi, 330 buste di plastica, un coltello e un narghilè. 

Allibiti i genitori del 19enne, che si sono ritrovati i militari alla porta ieri all'alba. L'indagine degli uomini guidati dal maresciallo Roberto Merella sono iniziate tempo fa e hanno adottato il metodo "old style": appostamenti e pedinamenti. Un metodo che ha portato ad acquisire tutti gli elementi che hanno convinto il Pm ad emettere un decreto di perquisizione. E insieme ai carabinieri è arrivato da Bologna il cane anti-droga. Il ragazzo, nullafacente,  incensurato e regolare in Italia, è stato arrestato per detenzione a scopo di spaccio e coltivazione di droga. Secondo la ricostruzione, il pusher spacciava tra i due paesi della Pedemontana e si muoveva - abilmente- soprattutto coi mezzi pubblici.