Sei in Archivio

FIDENZA

«No alla cementificazione sì alla riqualificazione»

La Amoruso: «Tre proposte contro inquinamento, spreco dei soldi pubblici e burocrazia»

20 maggio 2014, 18:11

«No alla cementificazione  sì alla riqualificazione»

«Incentivi volumetrici no, riqualificazione urbanistica sì». E’ lo slogan di Angela Amuruso, candidata del Movimento 5 Stelle, in tema di urbanistica. «La pianura padana è stata sacrificata a favore di una cementificazione selvaggia e di una viabilità scorrevole, ma a volte eccessiva, a scapito dell’agricoltura – spiega in una nota -. Tutto ciò deve essere fermato prima che sia troppo tardi. Le case devono diventare antisismiche e devono diventare efficienti dal punto di vista energetico. Ciò si tradurrebbe in bollette meno care per chi investe nella propria casa ed in minore inquinamento».
«Vogliamo trasformare il rifiuto in risorsa, attraverso il riuso ed il riciclo e siamo favorevolissimi a dialogare col mondo dell’impresa per ricalcolare le tariffe ispirandoci al principio “chi inquina paga“», prosegue per poi fare 3 proposte.
La prima: «Usare la leva fiscale tassando di più chi inquina, e di meno le nuove aziende locali o chi assume dipendenti o anche con sgravi alle imprese che si trovano in particolare stato di sofferenza per mancanza di liquidità». La seconda: «Usare meglio i pochi soldi del Comune, tagliando gli sprechi, non dando più in appalto a terzi le attività che possono essere svolte dagli impiegati comunali in sinergia con le associazioni di settore e finanziando direttamente alcune iniziative come il rilancio dell’arte e della cultura del centro storico». La terza: «Demolire la burocrazia inutile e dare la massima trasparenza ad ogni attività comunale».