Sei in Archivio

busseto

Amicizia e solidarietà: un gol per superare la disabilità

Manifestazione sportiva con gli atleti del progetto Special Olympics

di Michele Deroma -

20 maggio 2014, 18:07

Amicizia e solidarietà: un gol per superare la disabilità

BUSSETO - Amicizia e solidarietà hanno caratterizzato l’evento sportivo che si è svolto ieri presso lo stadio Cavagna di Busseto. Protagonisti della mattinata di calcio sono stati gli atleti di Special Olympics, un progetto internazionale di allenamenti e competizioni atletiche per persone con disabilità intellettive. Fondato nel 1968 da Eunice Kennedy - sorella dell’ex presidente americano John Fitzgerald Kennedy - in Italia il progetto è riconosciuto dal Coni dal 2004, e ogni anno vengono organizzati giochi nazionali e regionali in varie discipline: baseball, rugby, calcio, bocce, atletica, nuoto, basket, motonautica, sci.
Il coordinatore regionale del team di Special Olympics, Roberto Ghiretti, ha spiegato che il progetto «vuole portare salute e dignità, oltre a creare divertimento, passione e amicizia in un quadro di completa parità tra atleti disabili e non». La manifestazione si è svolta grazie all’apporto dell’associazione sportiva dilettantistica Full Monty, nata quattordici anni fa e da sempre attiva nel campo sociale: in particolare, quello di ieri è stato l’ultimo appuntamento dell’edizione annuale di «Sportivamente: la cultura fatta con i muscoli», rassegna di incontri cinematografici, letterari e teatrali. Dopo le proiezioni di «Glory Road» e «Space Jam», la presentazione di «Partiamo dalla fine» - libro della campionessa olimpica Josefa Idem – e lo spettacolo «La pugna e la pipa», Full Monty ha deciso di sostenere il progetto di Special Olympics e della sua European Football Week, con una raccolta fondi destinata a favorire la partecipazione di un atleta ai giochi nazionali estivi, che si terranno a La Spezia in giugno.
«È gratificante – ha spiegato Luciano Solari, presidente di Full Monty – fare qualcosa di utile nell’ambito della nostra esperienza di sport e divertimento».
Dopo l’esperienza di Alberto Cecchetti, Lorenzo Zaghini e Andrea Zollo, tre atleti di Special Olympics che, lunedì scorso, sono stati ospitati ad Appiano Gentile partecipando ad una partitella con alcuni giocatori dell’Inter, ieri mattina quattro squadre si sono sfidate sul terreno di gioco del Cavagna, nella fase regionale dell’European Football Week: le formazioni erano composte da cinque giocatori, di cui tre con disabilità. Il minitorneo a quattro squadre è stato vinto dall’Olympia Sanseverina – unica società della provincia di Parma – che in finale ha sconfitto per 5-2 la formazione Atletico Crociato, mentre il terzo e quarto posto sono andati rispettivamente al Bayer Olympics e al Real Campioni.
Al termine delle partite si sono svolte le premiazioni, alla presenza del sindaco di Busseto, Maria Giovanna Gambazza, e dell’assessore allo Sport e vicesindaco Luca Concari: il sindaco ha sottolineato «l’importanza della giornata, per l’attenzione verso i servizi alla persona e ad una disabilità che si può superare attraverso motivazioni e sport». «Da parte nostra – ha proseguito la Gambazza – c’è molta attenzione su questo tema, tanto che è auspicabile da parte nostra aprire una collaborazione con Special Olympics per ospitare prove in ambito regionale. Abbiamo tanto da imparare dall’insegnamento di questi ragazzi: la generosità e l’amicizia possono superare qualsiasi barriera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA