Sei in Archivio

COLORNO

Canova: «Avanti con politiche per le fasce più deboli»

20 maggio 2014, 17:45

Canova: «Avanti con politiche  per le fasce più deboli»

«Il meglio deve ancora venire». E’ lo slogan con cui Michela Canova, candidata di «SiAmo Colorno» lista sostenuta da Pd e Psi, ha presentato il programma elettorale.
Competenze «Continueremo a portare avanti - ha detto - politiche concrete che tengano conto delle esigenze della popolazione, in particolare delle fasce più deboli: ragazzi e anziani in primis. Per il futuro non prometto un libro dei sogni, ma grazie alla mia squadra in gran parte rinnovata, piena di entusiasmo, passione e nuove competenze, voglio percorrere un cammino di continuità di scelte sui ragazzi e gli anziani, di attenzione alla sicurezza dei cittadini, di sensibilità alle scelte ambientali, di cura per il decoro urbano e il verde, di mantenimento dei servizi per la popolazione. Non ultima sarà l’attenzione alla cultura con la realizzazione di eventi che, utilizzando la prestigiosa collocazione storico-ambientale, diano a Colorno migliore qualità della vita, sviluppino il turismo, con tutto il suo indotto, ma soprattutto richiamino attenzione e prestigio, quindi investimenti e lavoro».
Basi Il domani della Canova poggia le basi su quanto fatto nei cinque anni del mandato in scadenza, pur se tra «freni imposti dalla legge, dalla crisi e dal patto di stabilità». Il candidato sindaco ha così parlato della messa in sicurezza della scuola primaria dopo il terremoto e del trasferimento della mensa, dai locali sotterranei al primo piano. Citati anche gli interventi eseguiti sugli edifici storici: la Venaria concessa in parte alla scuola di cucina Alma, che ne ha curato il restauro, e in parte al circolo anziani Maria Luigia, la riqualificazione dell’Aranciata col nuovo museo appena inaugurato e il piano terra concesso alla parrocchia.
Riflessione Tra passato e futuro una riflessione: «Sfato l’idea - ha detto la Canova - che si diano più aiuti agli ultimi arrivati quando, se si guardano i numeri, in 5 anni sono stati dati, per esempio, alle società sportive contributi pari a circa 30 volte quelli dati agli extracomunitari».
Sull’abbandono dei rifiuti, la presenza di buche nelle strade e la carenza di parcheggi la Canova ha assicurato «il massimo impegno nei prossimi 5 anni compatibilmente con le risorse disponibili».c.cal.