Sei in Archivio

criminalità

Gioielleria Valenti: presi i rapinatori

6 arresti della Squadra mobile - Il video della rapina

20 maggio 2014, 14:42

Gioielleria Valenti: presi i rapinatori

Un altro colpo a favore delle forze dell'ordine. Come già per i rapinatori di banche (assicurati alla giustizia nel 90% dei casi, e spesso nel giro di poche settimane), ora sono finiti in carcere i presunti rapinatori della Gioelleria Valenti del 26 febbraio scorso. Un colpo in pieno centro, ovvero in via Farini, che aveva particolarmente colpito l'opinione pubblica anche per l'elevato botttino (si era parlato di un milione).
Cinque arresti effettuati dalla Squadra mobile di Parma insieme ai colleghi di Brindisi, da dove i presunti rapinatori provenivano. Inoltre un giovane parmigiano è ai domiciliari, accusato di un furto compiuto in marzo assieme a due degli arrestati per la rapina. 

Dopo il "colpo" alla gioielleria Valenti, la polizia ha analizzato le immagini di sorveglianza. Hanno notato che i due giovani, prima di compiere la rapina, stavano appoggiati al bancone tenendo i pugni chiusi per non lasciare impronte. Ma quando sono entrati in azione hanno appoggiato la mano per scavalcare il bancone. In quel punto è stata trovata un'impronta utile. L'analisi delle immagini di sorveglianza di altri negozi della zona ha permesso di ricostruire il percorso dei malviventi: a circa 70 metri dalla gioielleria c'era lo scooter con cui si sono allontanati in direzione via Emilia Est. Le telecamere del Comune hanno rivelato che invia Emilia Est lo scooter era "scortato" da una Peugeot 307 grigia", che ha caricato i malviventi.  

Il pm Paola Dal Monte ha ottenuto dal gip Cristina Sarli ordinanze di custodia cautelare in carcere per diversi reati: 
* Girolamo Andrea Diodicibus, 29enne, il 21enne Nicola Iurlo e il 25enne Davide Pepe per la rapina alla gioielleria Valenti
* Diodicibus, il 29enne Vincenzo Trono e il 30enne Giovanni Antico per la riceettazione di un'Audi A3 rubata a Parma, sulla quale erano stati visti il 25 marzo scorso mentre si aggiravano ripetutamente in via La Spezia. All'alt dei carabinieri, i due uomini a bordo - poi identificati in Antico e Trono - erano fuggiti; due ore dopo Giovanni Antico era stato rintracciato su un bus e denunciato. 
* Vincenzo Trono, Giovanni Antico e Marco Illari, 25enne parmigiano sono accusati anche del furto di un registratore di cassa in un negozio di alimentari di piazzale Lubiana, avvenuto il 20 marzo. Per questa accusa è stata disposta la custodia cautelare in carcere per Trono e Antico, mentre Illari è agli arresti domiciliari. 

IL VIDEO DELLA RAPINA

La cronaca (26-2-2014)  - Un colpo con grande freddezza, all'apertura del negozio, coltello e pistola in pugno. Poi via in sella a uno scooter per ricongiungersi probabilmente con dei complici.

Vittima della rapina la gioielleria Valenti di via Farini, dove questa mattina - dalle prime informazioni - due giovani sono entrati armati, hanno minacciato le due commesse, le hanno immobilizzate con del nastro adesivo e hanno fatto bottino svuotando la cassaforte. Infilato il loro "premio" in una sacca, sono fuggiti in sella a uno scooter che sarebbe già stato ritrovato. Evidentemente i due avevano dei complici che li attendevano poco lontano. Sul posto i poliziotti della Sezione antirapine della Mobile, che stanno acquisendo i filmati della sorveglianza, dove potrebbero esserci immagini preziose dei rapinatori.

"Ti viene voglia di chiudere" (27-2-2014)

Altri dettagli sulla Gazzetta in edicola mercoledì 21 maggio