Sei in Archivio

Top news

Prandelli si scusa con Criscito

20 maggio 2014, 17:20

Prandelli si scusa con Criscito
Cesare Prandelli da Coverciano chiede scusa a Domenico Criscito. "La mia su Cabrini e Maldini è stata una battuta fuori luogo. Non volevo entrare nel merito tecnico dell'esclusione".

Il ct qualche giorno fa aveva tagliato corto sulla mancata convocazione del difensore campano, che se l'era presa: "Sono parole che si commentano da sole. Da parte mia non mi sento Cabrini né Maldini. Solo Criscito".

Prandelli, quindi, spiega il motivo dell'assenza nei 31 di Gilardino e Toni: "Sono giocatori che stimo tantissimo, ma in avanti vogliamo manovrare in maniera diversa. E' un messaggio per i nostri attaccanti".

Tra i quali ci sono Cassano e Giuseppe Rossi. "Ho visto Antonio sereno - rivela il ct -. Si è rimesso in discussione e ha vinto. Ormai è un giocatore maturo e ha sfruttato l'ultima importante occasione per partecipare a una competizione del genere. Pepito è qui per diversi motivi. E' un talento, uno dei migliori in Italia, e ha grande determinazione e volontà. E' la dimostrazione che per essere dei campioni serve il carattere. Poi, ovviamente, è importante la condizione e in questi giorni la valuteremo. Ma non voglio mettergli pressione, lui ha già vinto".

Il ct non vuole invece parlare della situazione personale del capitano Gianluigi Buffon: "Non entro nella vita privata, non vorrei mai farlo. Gigi in questi mesi ha dimostrato di tenere in grande considerazione e attenzione la sua famiglia e la sua privacy".

Una battuta, infine, su Mario Balotelli: "Tutti noi rappresentiamo l'Italia, non solo lui. E dobbiamo avere tutti la consapevolezza di poter lasciare il segno anche in pochi minuti. Dobbiamo mettere l'ego da parte e pensare solo al gruppo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA