Sei in Archivio

POLESINE

Sabrina Fedeli: «Obiettivo continuità e nuove opere»

Candidato sindaco

21 maggio 2014, 19:13

Sabrina Fedeli: «Obiettivo continuità e nuove opere»

Obiettivo continuità e nuove realizzazioni per il territorio. Sabrina Fedeli, candidato sindaco di Polesine a guida della lista «Polesine! Ancora con voi», dopo i primi incontri con i cittadini, ricorda: «Dopo cinque anni di realizzazioni generate dai sogni che avevamo, a Polesine possiamo adesso vedere tante realizzazioni: dopo 30 anni di attesa, abbiamo finalmente il nuovo poliambulatorio; la nuova farmacia con postazione Cup, la biblioteca con il centro giovani; abbiamo rafforzato il Polo scolastico con asilo nido, scuola materna e scuola primaria, che ospita 122 bambini; abbiamo realizzato interventi sui cimiteri con lavori di rifacimento dei giardini, dei bagni e dei cancelli automatici; abbiamo realizzato la stazione dell’acqua; e l'atteso giardino di Santa Croce . Le riqualificazioni degli edifici pubblici - prosegue - oltre a valorizzare il nostro centro, hanno potuto dare ossigeno alle imprese del territorio. E’ da qui che vogliamo proseguire il nostro percorso e abbiamo pensato i nostri progetti amministrativi mirando ad un unico e fondamentale obiettivo: dare continuità al lavoro svolto, migliorando la qualità della vita dei cittadini di Polesine e del suo territorio. Ci proponiamo – aggiunge - non solo per proporre progetti ma anche per rimarcare la necessità di dare senso di comunità. Una continuità concreta che valorizzi i punti di forza di Polesine, attraverso queste prerogative - conclude - intendiamo rendere più godibili gli spazi urbani e rurali del territorio, creando i presupposti affinchè trovino spazio nuove opportunità lavorative compatibili con l’ambiente circostante. Vogliamo impostare un modello di gestione del bene comune aperto al dialogo, vicino alle persone. Per condividere i nostri progetti, aspettiamo i cittadini agli incontri pubblici: ad Ardola domani alle 21 nella sala parrocchiale e a Polesine venerdì, alle 21, nella scuola primaria».P.P.