Sei in Archivio

LESIGNANO

Cavatorta presenta il progetto sulle ex-terme di Lesignano

Pronta la riqualificazione dell'area con la collaborazione dell'Asp. Previsto il recupero e la messa in sicurezza di tutti i piani dell'edificio

di Matteo Ferzini -

24 maggio 2014, 09:59

Cavatorta presenta il progetto sulle ex-terme di Lesignano

Un importante progetto, già in fase di attuazione, per tornare a far vivere l’edificio ed il parco delle ex-terme di Lesignano ad oltre dieci anni dall’acquisto del complesso da parte del Comune: il sindaco di Lesignano e candidato alle per il secondo mandato con «Insieme per Lesignano», Giorgio Cavatorta, ha incontrato i cittadini insieme ai rappresentanti della lista per illustrare il progetto di riqualificazione dell’area ex-terme, attuabile con l’importante collaborazione dell’azienda per i servizi alla persona Asp. «Negli scorsi anni - ha illustrato Cavatorta -, si è cercato di arrivare ad un progetto condiviso per rendere le ex-terme di nuovo un bene pubblico per tutta la comunità. Un importante punto di partenza è stato l’intervento di Asp: il cui contributo finanziario, insieme al recupero di parte dei fondi per il vecchio progetto del 2008 poi non andato in porto, a fondi europei e al saldo dei fondi Fas da parte della Regione previsto per fine anni, hanno permesso di stendere un progetto completo parco per un totale di 700 mila euro, di cui 20 mila cofinanziati dal Comune di Lesignano».
Ad illustrare il progetto Andrea Alberelli, consigliere uscente e candidato consigliere con Cavatorta: previsto il recupero e la messa in sicurezza di tutti i piani dell’edificio delle terme, delle strutture esterne e di tutta la vasta area di parco.
In particolare, il piano superiore dell’edificio sarà destinato al laboratorio «Arti e mestieri» a cura di Asp, una serie di attività ricreative e di laboratorio artistico per giovani e adulti diversamente abili da tutta la Val Parma.
Presenti all’incontro, coordinato da Marianna Fontana, l’assessore all’Ambiente di Montechiarugolo Maurizio Olivieri, e Aldo Cabrini, ideatore del progetto «Voladora» portato a termine a Lesignano, Traversetolo e Montechiarugolo.