Sei in Archivio

Top news

Ronaldo: "Mi vergogno del Brasile"

25 maggio 2014, 00:00

Ronaldo:
Ronaldo boccia senza mezzi termini il suo Brasile per come ha preparato il Mondiale che sta per partire.

"Non c'è dubbio che sarà una festa - attacca il 'Fenomeno' attraverso l'agenzia 'Reuters' -, ma sto provando imbarazzo per l'immagine che il Paese sta dando di sé. Sentire le lamentele da chi viene da fuori è un dispiacere, i ritardi nella consegna degli stadi e negli altri cantieri mi fanno vergognare. E' brutto che il Brasile debba fare una figura del genere, ma non possiamo dimenticarci che anche prima non era certo un paradiso".

Le dichiarazioni di Ronaldo arrivano a qualche giorno dal duro attacco di Paulo Coelho. "E' uno scempio, ai brasiliani non rimarrà nulla. Le premesse erano diverse, Ronaldo ha dimostrato di essere un imbecille. Questo Paese ha bisogno di tutto, dagli ospedali alle scuole, fino ai trasporti. Avremmo potuto usare diversamente i soldi", si era lamentato lo scrittore carioca.

Secca la replica dell'ex attaccante di Inter, Milan e Real Madrid: "Mi sembra che mi abbia mancato tremendamente di rispetto, offendendomi in maniera gratuita e maleducata. Non sa di cosa parla, ormai tutti sembrano parlare per dare aria ai denti. Sinceramente ho perso l'ammirazione che nutrivo nei suoi confronti".

"Sicuramente tutti gli stadi saranno terminati, i problemi più seri riguardano le tante opere strutturali che il Mondiale avrebbe dovuto lasciare in eredità al popolo brasiliano", conclude Ronaldo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA