Sei in Archivio

Reggio emilia

Foto osè al fidanzato: Polizia salva ragazzina

Il giovane è stato denunciato alla Procura della Repubblica per i minorenni

25 maggio 2014, 18:25

Foto osè al fidanzato: Polizia salva ragazzina

l suo fidanzatino, di qualche anno più grande di lei, le aveva chiesto come "pegno d’amore" alcune foto osè: scambiate attraverso WhatsApp, il ragazzo - appena ricevute - non aveva esitato a inviarle ad alcuni amici. A "salvare" una ragazzina reggiana dalla diffusione illecita di immagini intime, la sezione antipedofilia della Polizia di Reggio Emilia, intervenuta su segnalazione della mamma dell’adolescente.
Nel dettaglio, sul finire dello scorso anno, la donna si era presentata alla Polizia per denunciare la possibilità che immagini della figlia minorenne, in pose sconvenienti, girassero tra gli studenti dell’istituto scolastico frequentato dalla ragazzina. Ipotesi che aveva aveva creato forte turbamento in tutta la famiglia.
Agli investigatori della Squadra Mobile reggiana, la ragazzina, appena adolescente, ha confessato di essere finita in una sorta di trappola tesa con l’inganno dal suo ragazzo. Le indagini, durate alcuni mesi, hanno permesso di sequestrare il materiale pedo-pornografico e di bloccarne l’ulteriore diffusione: nel frattempo, infatti, le foto si sono sparse in modo incontrollato tra gli studenti non solo della provincia reggiana, ma anche in scuole superiori del Nord e Centro Italia.
Al termine delle indagini è stato denunciato alla Procura della Repubblica per i minorenni di Bologna il minore che per primo ha diffuso le foto. I protagonisti della vicenda - spiega la Polizia - sono tutti minorenni e sono stati sentiti dagli investigatori sempre in modalità protetta, con l’ausilio di operatori specializzati e psicologi. La ragazzina, viene sottolineato ancora, si è reinserita nello stesso ambiente scolastico nel quale si è sviluppata tutta la storia.