Sei in Archivio

RESTYLING

Via Mistrali, commercianti contro il degrado

di Chiara Pozzati -

25 maggio 2014, 23:45

Via Mistrali, commercianti contro il degrado

La «rivoluzione delle vetrine» scatta da piazzale della Macina e via Mistrali. Contro la crisi e il degrado, che pure colpisce anche i gradoni di fronte alla banca, ci pensano i commercianti. La data già c’è: il 7 giugno tutti sono invitati alla prima edizione della Festa di primavera che il Comune, messo al corrente a giochi fatti, apprezza e favorisce.
Niente bancarelle, ma locali imbanditi e stand invitanti organizzati dalle boutique. Poi offerte e sconti, ma anche fiori per agghindare una delle piazzette-perle della città.
Non solo: tra poche settimane i commessi, che si stanno dando da fare per ripulire la zona, mostreranno i loro talenti oltre il banco. C’è chi si esibirà di fronte ai visitatori e chi promette una giornata indimenticabile.
La peculiarità di quest’iniziativa è che tutto parte dal basso. Un folto drappello di commercianti ha deciso di rimboccarsi le maniche e mostrare le potenzialità di Parma. «Finché nessuno ha il coraggio di fare qualcosa, il centro continuerà a soffrire. Così abbiamo deciso di organizzarci noi per primi, presentando all’amministrazione un progetto curato fin nei minimi dettagli».
Parola di Maria Sgobba, romana d’origine ma parmigiana d’adozione, al timone di P-one. «I concetti chiave sono: unire le forze e donare nuovo splendore al centro – chiarisce Maria, ben lontana dal definirsi madrina dell’iniziativa – qui ognuno ha messo del proprio».
P-One, Petit Bateau, Timberland, Napapijri, Sporting goods, gioielleria Rossi, La table, Didi Ricci, Tutti frulli e John Ashfield hanno assoldato un esperto di arredo per rifare il look a questo spicchio di centro.
E presto l’entusiasmo di questi commercianti è dilagato fino a borgo XX marzo e borgo San Biagio, che hanno aderito all’iniziativa. I commercianti hanno inoltre creato il comitato «Ztl», che ha l’intenzione di prendersi cura della zona e valorizzarne le potenzialità.
La festa di primavera si spalma su tutta la giornata, dalle 10 alle 20. In più, nel pacchetto, sono comprese diverse iniziative per i più piccoli. L’amministrazione si è subito mostrata favorevole all’iniziativa, tant’è che ci metterà la faccia concedendo il patrocinio e permettendo la chiusura delle quattro vie coinvolte.