Sei in Archivio

Europee

Romanini promosso in Parlamento

"Un onore. Parma era numericamente sottorappresentata"

di Chiara Cacciani -

26 maggio 2014, 14:10

Romanini promosso in Parlamento

La notte l'ha passata insonne, a guardare i risultati che via via diventavano definitivi. "L'ho capito alle 5 che ce l'avevo fatta. E sono ancora emozionato". Dalle Europee Giuseppe Romanini, ex sindaco di Collecchio e attuale assessore provinciale alla Scuola, ha ricevuto un bel regalo: un biglietto per Roma, Montecitorio, dove prenderà il posto della neo-europarlamentare Cecile Kyenge. Nel 2013 era stato l'ultimo dei non eletti nella circoscrizione dell'Emilia Romagna. Delusione tanta, ma con rivincita. Per festeggiare, un caffè con la moglie "e ora sono al lavoro. Arrivo da una settimana di ferie per la campagna elettorale ma con tutte queste emozioni in circolo temo di non essere molto produttivo...", confessa via telefono.

Uno dei primi pensieri va proprio alla Kyenge: "Con chiarezza si è delineato che ha avuto un suo traino personale notevole. Il suo successo nel Nordest significa che quello che ha sempre ripetuto, "L'Italia è pronta", è vero. C'è una maturità nel Paese che per qualcuno era impensabile e invece esiste con certezza". Poi guarda  a Roma. "E' un grande onore per me. Parma stavolta era numericamente sottorappresentata e questo può aiutare, anche se ovviamente lavorerò per tutto il Paese".

I temi cari che vuole sostenere alla Camera? "Durante l'ultima esperienza amministrativa mi sono molto appassionato ai temi della scuola, così come da sindaco mi sono occupato molto di attività produttive". Cita  i territori colpiti da frane e alluvioni, e promette impegno verso chi - sindaci e amministratori locali, "si sbatte tutto il giorno per mandare avanti le cose, nonostante tutte le difficoltà".