Sei in Archivio

Formula 1

Trionfo Rosberg, Alonso lotta: quinto

Il tedesco della Mercedes domina a Hockenheim in una gara piena di emozioni. Hamilton ottimo terzo, Alonso sgomita con le Red Bull. Incidente per Massa.

20 luglio 2014, 18:00

Trionfo Rosberg, Alonso lotta: quinto
Nico Rosberg trionfa nel Gran Premio di Germania, completando una settimana fantastica con il matrimonio, il rinnovo contrattuale e la vittoria della sua Germania della Coppa del Mondo in Brasile.

Nessun problema per il pilota della Mercedes (che non vinceva in patria da 60 anni, ai tempi il primo al traguardo fu Fangio), in testa per tutta la gara di Hockenheim. Completano il podio Valtteri Bottas e un incredibile Lewis Hamilton, che limita i danni dopo essere partito dal fondo. Quinta, alle spalle di Sebastian Vettel, la prima Ferrari. E' quella di Fernando Alonso, protagonista di una gara gagliarda e tutta in lotta con le Red Bull (Daniel Ricciardo è sconfitto solo sulla linea del traguardo). Delude ancora Kimi Raikkonen, undicesimo e doppiato. Spaventoso incidente senza conseguenza alla partenza per Felipe Massa.

Hamilton decide per la sostituzione del cambio e parte 20esimo invece che 15esimo, optando per le gomme soft, mentre tutti i big montano le supersoft. E alla partenza c'è subito il botto: Rosberg scappa via, Bottas esita e alla prima curva Massa e Magnussen si infilano in un imbuto. Ad averne la peggio è il brasiliano ex Ferrari: le due vetture entrano in collisione, la Williams fa perno su una gomma e si cappotta. Nessuna conseguenza per il pilota.

Entra però la Safety Car che congela le posizioni: in testa c'è Rosberg davanti a Bottas, Vettel, Alonso, Hulkenberg, Kvyat, Button, Perez, Raikkonen e Sutil. Nelle retrovie Ricciardo (costretto a un'escursione nella via di fuga in occasione dell'incidente) e Hamilton.

Alla ripartenza sono proprio l'australiano e l'inglese ad infiammare il pubblico, con tantissimi sorpassi in rapida successione. Il più bello arriva al 13esimo giro, quando Hamilton in un colpo solo si piazza davanti allo stesso Ricciardo e a Raikkonen, conquistando la quinta piazza provvisoria. C'è anche un contatto tra le Mercedes e la Ferrari, che perde un'appendice aerodinamica sulla pancia.

Le emozioni proseguono due giri dopo: Vettel cambia le gomme e torna in pista nella zona delle Ferrari di Raikkonen e Alonso (con pneumatici già sostituiti). Il campione della Red Bull attacca all'interno, lo spagnolo all'esterno e entrambi superano il finnico, ma nel duello diretto prevale Vettel.

Al ventesimo giro tutti i primi hanno cambiato le gomme a parte Hamilton, che come detto ha gomme a mescola più dura e si trova secondo. Non riesce però a resistere alla rimonta di Bottas, che lo sopravanza: il campione del mondo 2008 aspetta la pioggia che però non arriva. Sostituirà le gomme in netto ritardo, al 27esimo passaggio, precipitando in ottava posizione e ricominciando a rimontare su chi lo precede.

Intanto si riaccende la lotta per il podio tra Vettel e Alonso. Il sorpasso del ferrarista si completa al 34esimo giro, dopo il secondo pit stop di entrambi, quando Alonso riesce a superare in staccata il rivale, con gomma più fredda. Al 37esimo, quindi, entrambi balzano davanti a Hulkenberg, che li precedeva perché con una sosta ai box in meno.

Altre emozioni nell'ultimo terzo di gara: al 46esimo giro la Toro Rosso di Kvyat va in fiamme, due giri dopo Sutil va in testacoda e la sua Sauber resta bloccata sul rettilineo del traguardo, anche se fuori traiettoria. Esitazione della direzione di gara che non manda in pista la Safety Car, costringendo i commissari a provvedere personalmente.

Intanto Alonso tarda l'ultima sosta e i suoi tempi sul giro precipitano: al 55esimo passaggio monta le supersoft per un finale di gara all'arrembaggio. Lo spagnolo si ritrova infatti sesto, alle spalle di Ricciardo.

Gli ultimi giri sono all'insegna del duello per il secondo posto tra Bottas e Hamilton e di quello per la quinta piazza tra Ricciardo e Alonso. Al 62esimo giro Alonso piazza il muso della sua Ferrari davanti a quello del rivale e nelle curve successive riesce con i muscoli a resistere al suo ritorno.

Hamilton invece non riesce ad avere la meglio sulla Williams di Bottas (velocissimo in rettilineo). Da brividi, infine, il passaggio sulla linea del traguardo di Alonso e Ricciardo, praticamente appaiati. Ma ad avere la meglio è la Ferrari numero 14.

Formula 1, Gran Premio di Germania 2014 - Hockenheim:

1. Nico Rosberg (Mercedes AMG)
2. Valtteri Bottas (Williams Mercedes)
3. Lewis Hamilton (Mercedes AMG)
4. Sebastian Vettel (Red Bull Renault)
5. Fernando Alonso (Ferrari)
6. Daniel Ricciardo (Red Bull Renault)
7. Nico Hulkenberg (Force India Mercedes)
8. Jenson Button (McLaren Mercedes)
9. Kevin Magnussen (McLaren Mercedes)
10. Sergio Perez (Force India Mercedes).

Trionfo Rosberg, Alonso lotta: quinto