Archivio

Hi-Tech

Windows store, superata quota 500 app disponibili

Smartphone: e la quota di mercato dei telefonini Windows è al 14%

19 novembre 2014, 19:31

Windows store, superata quota 500 app disponibili

Microsoft ha annunciato di aver superato quota 500.000 app disponibili sul Windows store, numero che si ottiene combinando i circa 190.000 programmi realizzati appositamente per l’interfaccia Metro di computer e tablet della famiglia Windows 8.1 insieme alle 340.000 app del Windows phone store dedicato ai telefonini della linea Lumia. Si tratta di un traguardo importante per la casa americana, che ha sempre avuto nella quantità di app del suo store un tallone d’Achille sul fronte mobile rispetto ai concorrenti Google e Apple, che attualmente viaggiano però su ben altre cifre, vantando ormai un’offerta di più di 1.300.000 app ciascuno.
Lo store di iOs rimane, tra l’altro, il meglio strutturato, essendo molte delle sue app più ricche a livello di funzioni rispetto agli stessi programmi che si possono trovare sul Windows store e ottimizzate a seconda che si usi il display dell’iPhone o dell’iPad, al contrario di quanto avviene invece in ambiente Android, dove non si fa distinzione tra tablet e telefonini. In ogni caso, Microsoft in questo anno ha recuperato tantissimo, finendo per essere premiata soprattutto in Italia. Secondo gli analisti di Kantar, anche grazie all’ottimo rapporto qualità-prezzo dei Lumia nella fascia bassa del mercato, Windows phone avrebbe toccato nel nostro paese un market share record di quasi il 14%, sempre dietro all’irraggiungibile corazzata Android, che rappresenta oltre il 70% dei telefonini venduti, ma davanti al mondo iPhone, indietreggiato al terzo posto, in una nicchia valutata intorno al 10% sebbene estremamente remunerativa. Per il futuro la mossa di Microsoft sarà puntare all’unificazione degli store dell’universo Windows. Dovrebbe avvenire in concomitanza con il lancio di Windows 10, il nuovo sistema operativo atteso nel 2015, che avrà al centro il concetto di app universale, sviluppata cioè per funzionare adattandosi automaticamente di volta in volta in base all’hardware che si sta utilizzando, desktop o mobile, tablet o smartphone.