Archivio

Sport Invernali

Paris terzo, vince Nyman

In Val Gardena trionfa il 32enne di Park City, sul podio anche il 25enne forestale della Val d'Ultimo.

19 dicembre 2014, 19:20

Paris terzo, vince Nyman
Due le piste sulle quali  Steve Nyman vorrebbe correre tutto l'anno: Beaver Creek e Val Gardena. Il motivo è facilmente comprensibile: dei sei podi ottenuti in carriera in Coppa del mondo, tre sono arrivati sulla Birds of prey e altrettanti sul Saslong. L'ultimo è arrivato proprio sulla pista italiana, dove il 32enne di Park City si impose nel 2006 e 2012. Il tris è arrivato nella gara odierna, disputata su una pista miracolosamente preparata dagli organizzatori in questi giorni nonostante le alte temperature e che risultava particolarmente insidiosa a causa della presenza di neve ridotta all'osso, che creava continue ondulazioni per gli atleti. Nyman ha preceduto di 31 centesimi il favorito Kjetil Jansrud, che arrivava da tre vittorie sulle quattro gare veloci svolte in Nordamerica, ma ciò che più conta per gli italiani è il terzo posto di un magnifico Dominik Paris.
 
Il 25enne forestale della Val d'Ultimo su questa pista cadde in allenamento l'anno passato, prendendo una botta al polpaccio che ne condizionò pesantemente il resto della stagione. Stavolta ha ammaestrato il tracciato con la determinazione e la ferocia che lo hanno contraddistinto nella prima fase della coppa, e festeggia il podio numero sei. In cinque presenze stagionali, Dominik non ha mai fatto peggio del quinto posto, in questo momento è lui la certezza di un gruppo che raccoglie il discreto dodicesimo posto di Peter Fill, il ventiduesimo di Werner Heel, il ventitreesimo di Christof Innerhofer, il ventiquattresimo di Silvano Varettoni. Fuori dai punti Siegmar Klotz, Emanuele Buzzi e Paolo Pangrazzi. La classifica generale vede Jansrud salire in vetta con 492 punti davanti a Hirscher con 440, Paris è terzo con 265 punti.

Paris terzo, vince Nyman

{{title}}
RIAPERTURE

Divisi dalle rive del Po finalmente insieme

{{title}}
SUI BINARI

In stazione, chi va e chi viene. L'importante è riabbracciarsi

{{title}}
SOS NON UDENTI

Mascherine trasparenti? Sono introvabili