Archivio

Sport USA

NBA: ‘King' LeBron oscura Durant

Con 34 punti James trascina i Cavs contro i Thunder. Bene Spurs, Pelicans e Wizards.

26 gennaio 2015, 10:20

L'incontro della notte vedeva di fronte i Cavaliers e i Thunder nell'ennesimo scontro tra Kevin Durant e LeBron James. Questa volta ha avuto la meglio LBJ perché con una sua monumentale partita da 34+7+5 ha annullato la pur notevole prova di Durant da 32+6+9. Ovviamente l'incontro non era solo tra loro due, infatti i Cavs hanno dimostrato quanto stiano migliorando il loro gioco offensivo in queste settimane. I Thunder ormai hanno perso la loro verve difensiva, ma i Cavs grazie a LBJ hanno giocato una partita decisamente solida e concreta portando a casa il match e respingendo sempre le rimonte avversarie.

Nella prima partita di giornata Luol Deng tornava nella sua Chicago da avversario, ma oltre alla vittoria degli Heat sui Bulls, lo spettacolo è stato catturato da Hassan Whiteside che ha chiuso con una mostruosa tripla doppia da 14 punti, 13 rimbalzi e 12 stoppate.

Gli Heat hanno giocato una partita solida e continua non andando mai sotto con dei Bulls che venivano da due confortanti vittorie con Spurs e Mavericks. Offensivamente la coppia Bosh-Wade ha prodotto 40 punti, ma la differenza l'ha fatta Whiteside alterando tutte le conclusioni avversarie in difesa e regalando l'upset di giornata.

La partita più vibrante della notte è stata sicuramente quella di New Orleans tra Pelicans e Mavericks, perché dopo 39 minuti ad alto ritmo ed equilibrata si è arrivati nell'ultimo in cui è successo praticamente di tutto con sorpassi e controsorpassi. I Mavericks si sono affidati due volte a Monta Ellis per portarsi avanti, mentre i Pelicans hanno operato il primo sorpasso con una tripla di Gordon, poi con il canestro di Anthony Davis e alla fine con due liberi dello stesso unibrow. L'ennesimo tentativo di sorpasso dei Mavericks ha visto alzare un lob per la ricezione quasi a metà campo di Nowitzki, ma Davis in versione pac-man se l'è mangiato riuscendo a chiamare timeout. Sul +3 a cinque secondi dalla fine è arrivata la preghiera non accolta di Ellis e la vittoria dei Pelicans.

Grande spettacolo anche a Denver dove i Washington Wizards si salvano in overtime e vincono la partita grazie al solito John Wall in formato leader. La partita è intensa e lo scontro tra i due playmaker regala spettacolo con Wall che chiuderà a 19 punti e 16 assists compreso uno in mezzo alle gambe e Lawson a quota 31 punti.

Il finale dei regolamentari vede Faried protagonista in quanto sul rimbalzo difensivo si mangia il campo in palleggio e quando arriva per appoggiare subisce il fallo. C'è un sanguinoso 0-2 per lui che si fa perdonare andando a stoppare il tentativo di winner da parte di Pierce. Nel prolungamento vengono fuori i Wizards con Bradley Beal e un Humpries in grande spolvero da 21+14

Risultati:
Heat@Bulls 96-84
Thunder@Cavaliers 98-108
Clippers@Suns 120-100
Mavericks@Pelicans 106-109
Timberwolves@Hawks 100-112
Pacers@Magic 106-99
Bucks@Spurs 91-105
Pistons@Raptors 110-114
Celtics@Warriors 111-114
Wizards@Nuggets 117-115 OT
Rockets@Lakers 99-87

In collaborazione con basketissimo.com.

NBA: ‘King' LeBron oscura Durant