Archivio

libia

Attacco jihadisti a impianto petrolifero: vittime e rapiti tra operai

Un francese rapito, altri operai uccisi

04 febbraio 2015, 10:44

(ANSA) - IL CAIRO, 4 FEB - I jihadisti di Ansar al Sharia, formazione alleata dell'Isis, "hanno attaccato un giacimento petrolifero" nella regione di Al Jafra, a sud della città di Sirte, dove "hanno ucciso diversi operai" e rapito un dipendente francese. Lo riferiscono le fonti militari e di sicurezza senza poter precisare il numero o la nazionalità delle vittime, né quando sia stato compiuto l'assalto. Anche il rapito francese viene qualificato come "operaio".

- «Non ci sono occidentali, non ci sono francesi, tra le vittime» dell’attacco a un impianto petrolifero gestito da Total in Libia: lo ha precisato a Parigi il portavoce del governo, Stèphane Le Foll, sottolineando che le autorità francesi stanno «verificando il numero di vittime». Le Foll ha quindi evocato, «al condizionale», la morte di quattro guardie locali.
«Abbiamo appreso che un gruppo armato ha attaccato il sito di Mabrouk», ha invece riferito un portavoce di Total, precisando che quel sito è gestito dalla «Mabrouk Oil Operation, un’impresa guidata dalla compagnia petrolifera nazionale libica». La produzione nel sito era stata fermata nel dicembre scorso. Tutto il personale di Total - precisa il sito internet del quotidiano Les Echos - venne ritirato nel 2013 a causa del peggioramento delle condizioni di sicurezza. Secondo il giornale, durante l'assalto, «tre stranieri» sono stati presi in ostaggio. Ma la notizia non è confermata. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA