Archivio

Emilia-Romagna

Allerta slavine in Appennino: chiusa una strada nel Cornigliese

05 febbraio 2015, 17:27

Resta alto il livello di guardia per l’ondata di maltempo che da ieri ha colpito le province dell’Emilia-Romagna con forti nevicate soprattutto sui crinali e piogge diffuse fino alla costa. L’aggiornamento sulla situazione giunge dall’Agenzia regionale di Protezione civile. Per le province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, in stato di preallarme dopo l’allerta emessa ieri, destano maggiori preoccupazioni le precipitazioni a carattere prevalentemente piovoso previste questa notte e domani mattina. Particolare attenzione è riservata ad alcuni fiumi, in particolare Quaderna e Idice nel Bolognese, per il possibile innalzamento dei livelli idrometrici.
La raccomandazione ai sindaci è quella di mettere in atto tutte le azioni preventive di vigilanza e monitoraggio degli argini, anche con il supporto del volontariato di Protezione civile - due squadre sono operative da ieri nei comuni di Malalbergo e Medicina (Bologna) - in raccordo con i Servizi tecnici di bacino. Su tutto il territorio rimane attivo fino a domani alle 12 lo stato di attenzione per neve, vento, pioggia, stato del mare, criticità idraulica e idrogeologica. Resta in funzione 24 su 24 il presidio del Centro operativo regionale della Protezione civile (Cor).
Da Piacenza a Bologna le maggiori criticità sono legate alla neve, che secondo le previsioni di Arpa continuerà a cadere copiosa in Appennino fino a domani mattina, in attenuazione soltanto nel pomeriggio.
Prevista nel pomeriggio di oggi la diramazione, da parte della Protezione civile regionale e del Corpo forestale dello Stato, di un’allerta per rischio valanghe e slavine per i territori appenninici delle province di Parma, Reggio, Modena e Bologna fino a lunedì su quote superiori ai 1000-1200 metri. A Corniglio la strada Cancelli-Lagdei è chiusa fino a domani (6 febbraio) a causa di una slavina. 

Sulla costa è in corso una mareggiata che, sulla base delle previsioni meteo, continuerà nelle prossime ore, associata a vento forte che potrebbe raggiungere i 50 nodi. Il periodo di maggiore criticità è atteso dalla serata di oggi alle prime ore di domattina. A Cesenatico, per l’effetto di piogge e mareggiate, sono già state chiuse ieri pomeriggio le Porte Vinciane, opera idraulica a difesa del centro abitato; con un’ordinanza il sindaco ha disposto la sospensione dell’attività didattica in una scuola primaria e in una scuola d’infanzia da oggi pomeriggio e per la giornata di domani.