Archivio

Tennis

Papà Giorgi: "Lasciamo il doping libero"

Intervista choc del padre della tennista azzurra: "I controlli sono ridicoli e inutili, tanto vale lasciare che chi lo vuole si droghi. Ma io a mia figlia non lo permetterei mai".

05 febbraio 2015, 15:40

Provocazione del padre di Camila Giorgi, Sergio, in un'intervista al 'Secolo XIX' alla vigilia dell'esordio della Fed Cup 2015: "Il doping nel tennis c'è, tanto vale legalizzarlo".
 
"E' uno sport pieno di doping, c'è chi ha un bravo medico che lo copre. Basti vedere i muscoli di certe tenniste o quanto corrono certi tennisti. Non è normale. E i controlli che vengono effettuati sono ridicoli, inutili. L'unica soluzione è quella di lasciare il doping libero, così che chi vuole si senta libero di drogarsi. Dal canto mio non permetterei mai che Camila lo facesse, perché il doping ti distrugge e nella vita non c'è solo il tennis. Il tennis è un riassunto della vita, e nella vita c'è chi gioca sporco. La vita è una giungla, dove bisogna essere pronti a tutto", le sue sconvolgenti parole.
 
Camila Giorgi farà parte del quartetto di tenniste azzurre scelte dal ct Barazzutti per affrontare la Francia insieme a Sara Errani, Karin Knapp e Roberta Vinci, con esordio venerdì a Genova. Inevitabili le discussioni che le parole di papà Sergio provocheranno.

Papà Giorgi:

© RIPRODUZIONE RISERVATA