Archivio

Sport Invernali

Vince Reichelt, Paris che fiasco

Il SuperG di Beaver Creek finisce nelle mani dell'austriaco.

05 febbraio 2015, 22:20

Vince Reichelt, Paris che fiasco
Hannes Reichelt si è laureato campione del mondo di superG a Beaver Creek. Lo sciatore austriaco ha vinto la gara iridata sui 1.890 metri della pista Birds of Prey/Golden Eagle in 1.15.68. Argento per il sorprendente canadese Dustin Cook in 1.15.79, bronzo al francese Adrien Theaux in 1.15.92. Fuori Bode Miller, rientrato in gara proprio ai Mondiali dopo un lungo periodo di pausa per infortunio: lo statunitense è stato protagonista di una caduta spettacolare e ha riportato un profondo taglio alla gamba.
 
Gara flop per gli azzurri: Dominik Paris, tra i favoriti, ha chiuso solo quattordicesimo, male anche Matteo Marsaglia, Christof Innerhofer e Werner Heel.
 
Dominik Paris: "Ai Mondiali possono capitare sempre delle sorprese e oggi è successo in parte. Per quanto riguarda la mia gara, non sono riuscito a entrare bene nella seconda porta dopo la partenza e poi finivo spesso lungo. Ho rischiato lo stesso ma non è bastato, la neve rimarrà così anche per la discesa, per cui devo migliorare la sciata".
 
Matteo Marsaglia: "Pista bella ma nel tratto finale sono stato un po' troppo gentile, la neve oggi non era la solita. Bisognava mollare un po' di più, sono stato troppo pulito ma questa neve non ti dà certezze. Mi rimane un pizzico di rammarico, se si rimaneva troppo a insistere sullo spigolo non se ne usciva più". 
 
Christof Innerhofer: "Non era la gironata perfetta perchè ci vogliono sempre tante cose diverse che vadano tutte nella stessa direzione. Non sono riuscito a trovare il ritmo, gli sci rimanevano agganciati nella neve, ho perso un po' dappertutto. La neve era un po' secca ma non dura, sciando con la gamba lunga non ho ricevuto al deformazione dello sci, il vento poi mi ha fatto perdere continuamente centesimi. Alla fine hanno vinto i migliori, non potevo fare meglio perchè non erano le mie condizioni".  
 
Werner Heel: "In alcuni tratti sono andato abbastanza bene, poi altri dove non ero troppo convinto. Ho sbagliato l'ultima lunga e l'ultimo salto, ma non sarebbe cambiato tanto. Sicuramente per vincere bisognava rischiare maggiormente. Cercherò di rifarmi in discesa".
 
 

Vince Reichelt, Paris che fiasco