Archivio

NEW YORK

Isis: Giordania, morte ostaggio Usa è propaganda

Pentagono cauto su annuncio Isis, "nessuna prova"

06 febbraio 2015, 19:58

(ANSA) - NEW YORK, 6 FEB - "Una trovata che ha a che fare con le pubbliche relazioni": così funzionari del governo giordano - citati dalla Cnn - denunciano come propaganda l'annuncio dell'Isis secondo cui la donna americana tenuta in ostaggio in Sirua serebbe morto durante i raid aerei di Amman. Al momento "non ci sono prove" che la cooperante Kayla Jean Mueller sia rimasta uccisa in un bombardamento a Raqqa, commentano a loro vota con cautela fonti del Pentagono, citate anch'esse dalla Cnn.

© RIPRODUZIONE RISERVATA