Archivio

Protesta

"E ormai sono 60 ore senza luce": ancora tante telefonate alla Gazzetta

08 febbraio 2015, 10:44

Qualcuno ha tirato un sospiro già dalla serata di ieri: le utenze Iren a Valera, Vigatto, Martorano, sono state riattivate. A Eia è stato portato un gruppo elettrogeno, e potrebbe mancare la luce per qualche decina di minuti quando ci sarà il riallaccio "classico". Ma continuano i problemi in provincia: e più le ore passano, più diventano grandi. E più grande è la rabbia verso Enel e quella mancanza di comunicazioni che tutti lamentano.

Ancora senza luce sono diverse zone del Parmense, dalla Bassa alla Pedemontana. E questa mattina fioccavano le telefonate alla Gazzetta. "E ora siamo a quasi 50 ore senza luce. In casa abbiamo pochi gradi, la roba nel congelatore è tutta da buttare", raccontano dalle frazioni di Salsomaggiore. E arrivano segnalazioni anche da Corte Godi di Sorbolo.

Alle 15 la segnalazione di una residente a Varano Marchesi: "Ci hanno ridato la luce, sì, ma è andata via l'acqua. E le caldaie sono in tilt. Praticamente siamo daccapo".

A Corniglio l'elettricità è tornata poco dopo le 14. Ma la salvezza delle famiglie, come racconta il vicesindaco Matteo Cattani, "sono stati i generatori: il primo a Signatico è stato prestato su  segnalazione del Comune dalla ditta Arrigoni di Ghiare ed è stato installato nell'azienda agricola Botti, permettendo di attivare i rulli per letame e le pompe per il latte. Il secondo è stato installato in località Favet presso famiglia Iattoni, due anziani e la badante senza luce, e prestato dal NIP di Tizzano - Prot civile e installato sotto supervisione del Sindaco e del consigliere Sergio Moretti che hanno aiutato l'installazione".

Questa invece è la testimonianza di Roberto, da Colorno: "Da venerdi mattina alle 3,30 circa, si è interrotta l'alimentazione elettrica dell'ENEL. Causa la nevica eccezzionale della nottata, che ha spezzato le corde unipolari di collegamento tra un palo e l'altro della linea vicino casa nostra.
Oggi, domenica,  sono trascorse 55 ore di guasto per mancata alimentazione. L' ENEL al n. 803500 (servizio guasti), risponde solo che tutti gli operatori sono impegnati e di provare più tardi. NESSUNO OPERATORE RISPONDE in nessun orario !! Posso capire l'eccezzionalità del fatto, però l'ENEL con la sua capacità operativa sul territorio nazionale, dovrebbe intervenire in modo abbastanza tempestivo, chiedendo aiuto ai colleghi delle province non in emergenza ..
MANUTENZIONE STRAORDINARIA è quello che all' ENEL hanno DIMENTICATO da ANNI...
Esistono chilometri di linee obsolete ancora con le corde unipolari, che se venissero sostituite con i cavi multipolari,
non avrebbero causato tutti questi guasti e disagi alla popolazione.
Sono parole dei vostri dipendenti e collaboratori, che ora devono fare i conti con queste condizioni climatiche.

SAREBBE GIUNTO IL MOMENTO DI IMPIEGARE LE RISORSE PER MANUTENZIONARE GLI IMPIANTI IN ESSERE,
ABBASSANDO GLI STIPENDI ALLE ALTE CARICHE. TROPPI CAPI E POCA GENTE CHE OPERA SUL TERRITORIO."


© RIPRODUZIONE RISERVATA