Archivio

cda

Alborghetti: "Il bonifico in questi giorni"

09 febbraio 2015, 18:07

Alborghetti:

Dopo l'assemblea dei soci a Collecchio è stato  deciso che Giampietro Manenti è il nuovo presidente. Ricoprirà anche il ruolo di amministratore unico.

E’ terminato il primo atto dell’Era Manenti al Parma Calcio. Al centro sportivo di Collecchio si è riunita l’assemblea dei soci del club crociato che ha investito nel ruolo di presidente e, per ora, anche amministratore unico, Giampietro Manenti, imprenditore milanese titolare della società slovena Mapi Grup, con cui aveva già tentato la scalata alla ProVercelli e, esattamente un anno fa, al Brescia di Corioni.
Ai soci di minoranza Manenti avrebbe assicurato la presenza di un portafoglio economico in grado di rispondere efficacemente alle prossime scadenze, come quella del prossimo 16 febbraio, quando dovranno essere pagate le pendenze fiscali e gli stipendi dei tesserati, in particolare i giocatori.
«Aspettiamo di vedere cosa succederà», è il laconico commento di Roberto Donadoni all’uscita dal centro sportivo, dove la squadra ha terminato il contemporaneo allenamento. Più loquace Pietro Doca, il gioielliere piacentino scelto dal petroliere albanese Rezart Taci come presidente della Dastraso Holding: "Abbiamo operato per il bene della società - ha detto ai cronisti all’esterno della struttura - Quanto è stata pagata la società? Un euro. Quanto l’abbiamo pagata noi. Perchè il problema sono i debiti. Perchè ci siamo ritirati? Abbiamo trovato una situazione molto più grave. Duecento milioni di debiti? Non lo so, ma la situazione è molto grave». Fiorenzo Alborghetti, manager di riferimento della nuova proprietà ha dichiarato: "il nuovo Cda verrá composto il 20 febbraio ma abbiamo già cooptato Manenti come nuovo presidente. Mercoledì nel corso di una conferenza stampa comunicheremo tutti dettagli".

Il comunicato della società

A seguito delle assemblee dei soci di Parma Fc ed Eventi Sportivi Spa tenutesi oggi presso il centro direzionale di Collecchio, Parma Fc comunica che il club è stato acquisito da Giampietro Manenti. Ermir Kodra ha rassegnato in data odierna le proprie dimissioni. La carica di Presidente da oggi viene ricoperta a tutti gli effetti e con pieni poteri da Giampietro Manenti. L’operatività aziendale sarà gestita da Fiorenzo Alborghetti coadiuvato da Pietro Leonardi.

 

Alborghetti: "Il bonifico arriverà in questi giorni"

Intercettato all’uscita del Centro Sportivo di Collecchio, Fiorenzo Alborghetti (colui che assieme a Leonardi si occuperà dell’operatività aziendale della nuova società crociata) ha dichiarato: "Oggi abbiamo fatto un bel passo. Manenti oltre ad essere il padrone del Parma ha tutti i poteri per ottemperare a tutte le scadenze da qui al 16 febbraio. Poi ci sarà un CdA nel quale spero che ci saranno anche delle persone di Parma. Il bonifico arriverà in questi giorni. I soldi andranno presi e gestiti, senza buttarli via come magari è stato fatto negli ultimi anni. C'è un piano industriale, è tutto predisposto". Nel giorno dell’ennesimo passaggio di proprietà per il Parma, a Collecchio c'era anche Pietro Doca, legale rappresentante della Dastraso Holding (la società che ha prima comprato e poi venduto il Parma). "Manenti ci ha detto che l’ha comprata da noi perchè gli altri non gliela vendevano - ha detto Doca all’uscita del Centro Sportivo - Noi siamo stati più trasparenti di chiunque altro. Se Ghirardi è stato serio? Dovete dirlo voi, i giocatori lo sanno, la piazza lo sa... Di sicuro è stato serio Taci, che ha trovato una società con dei problemi e si è preso una responsabilità. Non ha mollato la società, lui e gli imprenditori che lo seguivano hanno guardato bene i conti, che non erano veritieri. Grazie a lui però il Parma ha risparmiato circa 20 milioni di euro con l’uscita di Cassano, Paletta ed altri giocatori".

 

I tempi stringono: la nuova società si presenta mercoledì