Archivio

COMUNE

Piano neve, Alinovi: "Ecco cosa abbiamo fatto"

09 febbraio 2015, 13:16

Piano neve, Alinovi:

In municipio l'assessore ai Lavori pubblici Michele Alinovi ha fatto il punto sul piano neve. Alinovi ha citato i numeri: "Abbiamo speso fino ad ora quasi 700 mila euro. Non ci sarà rimozione dei cumuli di neve coi camion perchè sarebbe troppo costoso". I numeri totali citano 200 spartineve, 20 spargisale, 40 squadre spalatori in azione, e 300 tonnellate di sale sparse. In più il Palasport era stato preparato per accogliere eventuali "sfollati".

Per chi ha auto danneggiate dalla caduta di alberi e rami, il Comune invita a mandare una mail con i propri dati all'indirizzo 052140521@comune.parma.it

Iren, presente all'incontro, ha detto che alle 8 di venerdì mattina c'erano 25 mila utenze senza luce, ma che la situazione è stata risolta nel giro di 24 ore.

 Il comunicato del Comune


A quattro giorni dalla grande nevicata che si è abbattuta sulla città (circa 50 centimetri, record degli ultimi decenni) il Comune ha indetto una conferenza stampa per rendere noto l’elenco degli interventi effettuati. Tutti i mezzi del Global Service sono entrati in azione nei tempi dovuti, prima con lo spargimento di cloruro di sodio per prevenire la formazione di ghiaccio, poi con tutte le macchine operative previste dalla convenzione, non appena il manto nevoso ha raggiunto il livello minimo necessario per rendere efficace l’azione degli spartineve.
Nelle stesse giornate hanno lavorato intensamente anche le squadre operative messe in campo dal Comune sul verde pubblico, messo a dura prova dal peso della copiosa neve caduta sulla città, che ha causato crolli di alberi e rami sulle strade, danneggiando purtroppo anche tante auto in sosta, i cui proprietari avranno diritto al risarcimento da parte dell’assicurazione, purchè segnalino e documentino il danno subito al Comune.
I parchi sono tuttora chiusi e il servizio Verde pubblico dovrà lavorare alacremente anche nei prossimi giorni per intervenire laddove è necessario.
Resta comunque il fatto che la città non si è mai fermata: anche nei momenti più difficili venerdì mattina le strade principali erano in qualche modo percorribili e i bus hanno circolato senza interruzioni, pur con inevitabili ritardi. Solo il servizio si Happy Bus è stato sospeso per sicurezza nella giornata di venerdì.
“Duecento spartineve, 40 squadre di spalatori, 20 mezzi spargisale – ha affermato l’assessore Michele Alinovi fornendo i numeri degli interventi effettuati per fare fronte all’emergenza neve – questo è quanto abbiamo potuto mettere in campo per fronteggiare una nevicata di 50 centimetri in poche ore. E poi – ha continuato – c’è stato il collasso delle alberature, con gli interventii ancora in corso, il tutto con un impegno di oltre mezzo milione di euro, che assommandosi alla quota fissa per la disponibilità delle macchine operatrici in applicazione del piano neve, porta a spendere circa 800.000 euro per la neve sui 950.000 previsti a bilancio per l’intero anno”.
Lo stesso assessore ha poi affermato che non si darà corso all’asportazione della neve, perché questa operazione, certamente non prioritaria, comporterebbe un’altra spesa rilevante di centinaia di migliaia di euro, che verrebbero sottratti a i servizi comunali. Su questo – ha concluso Alinovi – chiediamo la comprensione dei cittadini”.
Al tavolo era presente anche IREN: “Venerdì mattina – ha affermato il tecnico Alberto Bonora – avevamo 25.000 utenze elettriche fuori servizio sulle 136.000 di competenza, nel pomeriggio di sabato avevamo già risolto il problema al 99%, e oggi tutto funziona regolarmente. Anche sui rifiuti – ha fatto sapere Bonora – abbiamo interrotto il servizio per due giorni per evitare intralci agli spartineve, ma, di intesa con il Comune abbiamo attivato squadre di pronto intervento per rimuovere i rifiuti indebitamente esposti”.
Aòbino Carpi (Parma Infrastrutture) ha fornito il resoconto sugli interventi effettuati nel piano neve e ha annunciato che si sta ancora lavorando per liberar egli stalli di sosta, mentre il comandante della polizia municipale Gaetano Noè ha ricordato che i vigili erano allertato fin da mercoledì, con la centrale operativa funzionante 24 ore, e che la protezione civile ha assistito i camionisti bloccati e le famiglie senza luce.