Archivio

lutto

Addio a Giovanni Grilli, fotografo appassionato di politica

Scomparso a 71 anni. Esponente del Pd era molto conosciuto nel mondo della cooperazione

di Lorenzo Sartorio

10 febbraio 2015, 08:01

Il mondo della sinistra e della cooperazione parmigiane è in lutto per l’improvvisa scomparsa di Giovanni Grilli, nota e stimata figura nel panorama politico locale, ma anche apprezzato fotografo, raffinato ed attento intellettuale, persona che sapeva interpretare con sensibilità e con grande sentimento, non solo le istanze dei più deboli, ma anche culture lontane dalle quali era affascinato e che riuscì a raccontare attraverso immagini pregne di pathos.Giovanni Grilli aveva appena compiuto 71 anni ed era in procinto di fare un altro viaggio negli Usa, terra che amava moltissimo e che aveva visitato molte volte unitamente all’adorata moglie Wilma che ha sempre avuto a fianco sia nella vita che nel corso dei suoi reportage in terre lontane. Uomo gioviale, garbatamente ironico, era impossibile vederlo di cattivo umore, la sua simpatia era contagiosa ed aveva un modo davvero speciale di approcciare il prossimo. Impegnato in politica in prima persona, oltre essere stato funzionario della federazione provinciale del Pci, ricoprì pure importanti incarichi fra i quali, negli anni ‘80, quello di dirigente provinciale della commissione Sanità. La sua esperienza lavorativa è continuata nell’ambito della cooperazione, in seno alla Coop Nordemilia. Attualmente era segretario del circolo Pd di Felino. Le sue grandi passioni erano i viaggi e le foto. Era, infatti, un fotografo molto stimato. Nell’aprile dello scorso anno, l’associazione «Remo Gaibazzi», nell’ambito della rassegna « Il mestiere di intellettuale. Obiettivo fotografia», dedicò alle fotografie sue e della moglie Wilma Ricci, un incontro dal titolo «Lungo le strade d’America».«Giovanni - afferma Barbara Lori, consigliere regionale del Pd, già sindaco di Felino, che ebbe modo di collaborare strettamente con Grilli in numerose iniziative - è stato da sempre un amante della vita, impegnato nella politica e, nei tempi più recenti, nel coltivare le sue passioni. Da una decina di anni si era trasferito a Felino dalla città insieme alla moglie Wilma con cui ha condiviso la passione per la fotografia, per i viaggi e la musica blues e country blues. Lui e Wilma sarebbero ripartiti per gli Stati Uniti per l’ennesimo viaggio proprio tra poche settimane, un meritatissimo riposo dopo mesi di impegno a Felino, dove ricopriva il ruolo di segretario del Partito Democratico. Dopo aver guidato la campagna elettorale per le elezioni amministrative del maggio scorso e aver partecipato con grandissimo impegno alle elezioni regionali di novembre, aveva deciso di riprendersi il tempo per le sue passioni. Convinto antifascista, faceva parte dell’associazione culturale «Pontirol Battisti» di San Michele Tiorre che, in questi anni, è stata promotrice di numerose iniziative culturali. Un caro amico, Giovanni, con il quale ho condiviso tante idee e prospettive per Felino, per la provincia di Parma e per un impegno politico capace di comprendere e dare risposte concrete». «Colpisce intensamente -sottolinea l’onorevole Giuseppe Romanini - la notizia dell’improvvisa scomparsa di Giovanni Grilli. Vero democratico, impegnato da sempre in politica, sia come dirigente che come militante di base, sapeva mettersi a disposizione e costruire nella dialettica politica mediazioni alte. Ricordo la sua recente esperienza di segretario del circolo Pd di Felino e il grande contributo che ha dato alla campagna elettorale per le amministrative del suo comune. Amico sincero, uomo di grande vitalità e curiosità, era animato da passioni forti e dalla voglia di conoscere che lo ha accompagnato nei viaggi fatti con la carissima moglie Vilma a cui va un pensiero affettuoso e di stima per il suo compagno. Indimenticabili i reportage sull’America e sulla realtà delle popolazioni native americane. Anche le sue fotografie rivelano la grande sensibilità e bontà d’animo che in tanti abbiamo potuto apprezzare». «Lo avevo visto poco tempo fa - ricorda commosso Claudio Del Monte già addetto stampa dell’Amministrazione Provinciale legato a Grilli da fraterna ed antica amicizia - avevamo scherzato, ricordato, riso come sempre, ancora come quei due ragazzini che eravamo quando ci siamo conosciuti, proprio una vita fa!!! Quando ci si rivedeva ricordavamo i tempi delle manifestazioni studentesche del nostro ‘68, poi l’attività politica che ci vedeva in partiti diversi a battagliare spesso su posizioni differenti, ma sempre con grande rispetto e mai nulla intervenne ad incrinare l’affetto e la nostra leale amicizia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA