Archivio

Collecchio

Corte di Giarola bimbi a lezione sull'ambiente

Scolari delle elementari di Collecchio e di Noceto. Una mattinata di esperimenti e incontri sulla salvaguardia dell'acqua e del territorio

10 febbraio 2015, 20:01

Corte di Giarola bimbi a lezione sull'ambiente

Nel suggestivo scenario della Corte di Giarola si è tenuta una mattinata con animazione teatrale, laboratori formativi e lezioni didattiche per gli studenti delle scuole elementari di Collecchio e Noceto
Prendersi cura dell’ambiente oggi migliora la vita di domani: è con questo slogan che 120 bambini delle classi quarte e quinte delle scuole elementari di Collecchio e Noceto si sono ritrovati ieri mattina alla Corte di Giarola per approfondire dal vivo e sperimentare nei laboratori la realtà e l’evoluzione sul nostro territorio dei corsi d’acqua naturali e artificiali presenti in provincia.
Le gravi emergenze di dissesto idrogeologico che scaturiscono spesso dalle abbondanti piogge e dall’eccesso di urbanizzazione dei centri abitati sono state al centro di «Acqua e Territorio», un’intera mattinata dedicata alla conoscenza di ciò che ci circonda più da vicino, ma che a volte viene sottovalutato. In quest’ottica, alcuni enti che governano le diverse funzioni concrete di gestione territoriale, hanno voluto dare un segnale di unità e di intenti educativi comuni, cercando di incentivare le giovani generazioni a comprendere meglio i fenomeni ambientali che a volte sfociano anche in problematiche drammatiche per intere comunità.
Gli enti coinvolti nel progetto
Così l’Ente parchi dell’Emilia occidentale, il Consorzio di bonifica parmense, la provincia di Parma, l’Urber (Unione bonifiche regione Emilia Romagna) e la Coldiretti di Parma hanno dato vita ad una full immersion sinergica sui rispettivi temi, tutti uniti da un unico «filo rosso» rappresentato dal valore della risorsa esauribile acqua: acqua che cade, acqua da contenere, acqua che erode, acqua vitale per l’agricoltura, acqua da preservare.
Le attività per i giovani scolari
Durante tutta la mattinata di attività i giovani scolari delle classi elementari hanno così effettuato esperimenti con ghiaia, sabbia e argilla scoprendo la stratigrafia più tipica della nostra terra, quali sono i materiali maggiormente a rischio idrogeologico, quali suoli si differenziano per assorbimento dei flussi delle acque e impermeabilizzazione urbana. La lunga serie di attività e sperimentazione visiva coordinata dall’Ente parco, attraverso gli insegnanti delle società Il Ciottolo – A.TI.ESSE – Esperta, si è poi intrecciata ai due divertenti spettacoli della Bonifica parmense, interpretati dall’attore ed educatore Lorenzo Bonazzi di Urber, che avevano come titolo «Per l’acqua che scende e che sale c’è sempre un canale».
La soddisfazione di Fritelli
Il presidente della Provincia di Parma Filippo Fritelli  ha espresso soddisfazione per l'iniziativa effettuata alla Corte di Giarola: «Per i ragazzi delle nostre scuole comincia in questo momento un percorso importante sul valore dell’acqua che farà tappa in molti istituti di tutta la provincia. Il nostro ente ci crede e cercherà di sostenere col suo patrocinio i valori condivisi e veicolati da Bonifica, Parchi e Coldiretti con la loro collaborazione». Un plauso all'iniziativa è venuto anche dal presidente dell’Ente parchi dell’Emilia occidentaleAgostinoMaggiali: «Una mattinata davvero bellissima e utile in percorso ludico-ricreativo estremamente educativo col nostro staff, in stretta sinergia con la Bonifica Parmense, la Provincia di Parma e Coldiretti, partner importanti per condividere percorsi didattici e di formazione comuni”.  Un ruolo importante è stato svolto proprio dal Consorzio di bonifica parmense: «Unire gli enti che si occupano di territorio in un progetto di educazione dei giovani che abitui e sensibilizzi al valore dell’acqua e alla cura dell’ambiente è prioritario per creare nelle giovani generazioni la consapevolezza del peso con cui la natura incida nella nostra vita del domani – ha dichiarato il direttore Meuccio Berselli – . Qualcosa che forse non è stato fatto abbastanza in passato e che sta lasciando in eredità ai nostri ragazzi un territorio difficile, fortemente urbanizzato e pieno di problemi». Rilevante il ruolo nell’iniziativa della Coldiretti Parma che oltre a proporre una merenda di prodotti naturali di Campagna Amica ha sottolineato il ruolo attivo dell’agricoltore nel conservare l’ambiente: «L’azione congiunta che valorizza l’acqua è un bene per noi che abbiamo a cuore l’agricoltura – ha concluso Marco Tamani – . L’ambiente sano che ci circonda e che gli agricoltori presidiano è uno dei temi più cari a Coldiretti, che sa bene quanto sia importante la tutela del territorio tanto per il produttore, quanto per il consumatore e per il cittadino consapevole». Infine, il sindaco di Noceto Fabio Fecci ha evidenziato come anche «sia importante restare bambini dentro per apprezzare il valore dell’ambiente. I comuni sono in prima linea nella difesa del suolo e che la disponibilità al dialogo degli enti sia un primo passo per migliorare le condizioni che potenzialmente possono rappresentare un rischio».