Archivio

Traversetolo

Imparare a cercare lavoro: le iniziative per i giovani

Giovedì l'incontro alla Corte Agresti

14 febbraio 2015, 15:44

Imparare a cercare lavoro: le iniziative per i giovani

Imparare a cercare lavoro, alimentarsi in modo sano e informarsi riconoscendo le fonti attendibili. Sono queste alcune delle priorità per le nuove generazioni finora individuate dal nuovo consiglio della consulta giovanile di Traversetolo e che probabilmente si tradurranno in progetti sul territorio.
Il prossimo incontro della consulta, aperto a tutti i giovani che vivono o frequentano il paese, è fissato per giovedì 19 alle 21 in Corte Agresti. «Ci stiamo ancora conoscendo tra noi - spiega il presidente Samuel Bertinelli - siamo assolutamente aperti e interessati agli spunti che verranno dai nostri coetanei che vorranno contribuire. Invitiamo tutti a partecipare e a dire la loro sulle idee che abbiamo individuato finora o su altre proposte». Con la disoccupazione giovanile che ha raggiunto in Italia livelli preoccupanti, il primo obiettivo della neo insediata consulta non poteva non riguardare il mondo del lavoro. «Stiamo ideando, in collaborazione con l’amministrazione comunale, un percorso di avvicinamento al mondo del lavoro - spiega il giovane presidente Bertinelli - la proposta è quella di informare i giovani sui percorsi alternativi e meno noti per la ricerca del lavoro, come i centri specializzati e gli Erasmus all’estero dedicati a chi vuole avviare una piccola impresa».
«Il progetto potrebbe iniziare il primo maggio - prosegue Bertinelli -, in occasione della Festa dei lavoratori, con una mostra delle professioni artigianali, per riscoprire manualità e mestieri in via d’estinzione come il fabbro o il falegname, che esprimono al contempo una forma d’arte». Un altro progetto in fase di studio riguarda l’alimentazione sana, un’esigenza emersa anche in occasione del «Cantiere salute», il recente incontro tra i cittadini e le realtà del territorio organizzato nell’ambito del progetto «Una comunità che guadagna salute», promosso dalla Regione, dall’Ausl di Parma e dal Comune con l’obiettivo di favorire stili di vita sani rendendo i cittadini stessi protagonisti. I giovani della consulta si sono impegnati a sensibilizzare i propri coetanei su un’alimentazione di qualità ed equilibrata, in contrasto con le cattive abitudini a tavola. Infine, nell’era digitale e dei Social in cui l’informazione corre veloce e incontrollata, i giovani hanno avvertito l’esigenza di studiare un’attività finalizzata a mettere a fuoco le fonti e distinguere le notizie attendibili dal tam tam mediatico privo di fondamento.