Archivio

centrodestra

«Evitare la chiusura dell'aeroporto»

Appello di ega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia

di Pierluigi Dallapina

15 febbraio 2015, 22:37

Evitare la chiusura dell’aeroporto. E’ l’appello lanciato dai rappresentanti di tre differenti partiti: Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia. «Prendere urgenti provvedimenti per consentire all’Aeroporto di Parma di sopravvivere almeno per il tempo necessario per trovare una soluzione che ne garantisca il futuro e così impedire che si produca un gravissimo e irreparabile danno all’Emilia Ovest e al sistema trasportistico regionale», affermano i consiglieri regionali della Lega Nord, Fabio Rainieri, Matteo Rancan e Gabriele Delmonte. Per i tre, la chiusura dello scalo «costituirebbe una pesantissima perdita per un’importante parte del territorio regionale oltre che per tutto il sistema dei trasporti di questa Regione, proprio nel momento in cui, a causa dell’imminente inizio di Expo 2015 a Milano, lo stesso sistema di trasporto dovrebbe essere al massimo dell’efficienza possibile».
Rainieri, Rancan e Delmonte criticano poi la Regione per non aver «mai sostenuto economicamente l’aeroporto di Parma». Per Fabio Callori, coordinatore provinciale di Forza Italia, «la chiusura dell’aeroporto è oramai una notizia assodata, a dispetto delle dichiarazioni dei rappresentanti degli enti locali e del presidente della Sogeap, Guido Dalla Rosa Prati».
«La corsa contro il tempo di cui il presidente ha parlato sul quotidiano locale si è fermata per la rinuncia degli acquirenti cinesi, nonostante i “rassicuranti” incontri delle scorse settimane del premier Renzi», aggiunge Callori, prima di criticare l’atteggiamento degli enti locali. «Dove erano in questi anni il Comune e la Provincia? Cosa hanno fatto per impedire una simile perdita? E, soprattutto, hanno intenzione di rimanere a guardare senza opporre resistenza? La chiusura avviene in un anno importante come quello di Expo 2015. Un’occasione impossibile da perdere per qualunque amministrazione attenta alle necessità del proprio territorio».
Domenico Muollo, membro del consiglio nazionale di Fratelli d’Italia, afferma: «Forse non ci rendiamo conto che chiudendo l’aeroporto di Parma, poniamo una pietra tombale allo sviluppo turistico e commerciale dell’intera provincia, oltre a quelle sei limitrofe. Un aeroporto, come qualsiasi attività, ha bisogno di un piano industriale concreto, non vivere sotto la continua minaccia della chiusura».