Archivio

Rubiera

Scontro sui binari, coinvolto regionale Parma-Bologna

Una ragazza: "Abbiamo avuto paura di morire"

16 febbraio 2015, 14:45

Scontro sui binari, coinvolto regionale Parma-Bologna

La circolazione è stata sospesa dalle 12,25 sulla linea ferroviaria convenzionale fra Reggio Emilia e Modena dopo lo scontro fra un treno merci e il Regionale 11419 Parma-Bologna, in uscita dalla stazione di Rubiera. Ci sono 8 feriti tra i passeggeri, già assistiti dal 118. Sul posto anche operatori di Rfi e Trenitalia. La linea ferroviaria fra Parma e Bologna sarà ripristinata entro le 5 di domattina, martedì 17 febbraio, dicono le Ferrovie

L'INCIDENTE. Carri merci privati provenienti da un raccordo merci privato e finiti sui binari. Sarebbe questa, in base ai primi accertamenti, la causa dell’incidente che ha coinvolto il treno regionale R11419 in viaggio fra Parma e Bologna, con il conseguente deragliamento della vettura semipilota e della seconda vettura in uscita dalla stazione di Rubiera, nel Reggiano.
L’esatta dinamica dei fatti, ha spiegato Trenitalia, è ancora all’esame dei tecnici ferroviari. Allo stato risulta però che i carri merci provenienti dal raccordo privato abbiano indebitamente occupato la sede ferroviaria durante il passaggio del regionale. I viaggiatori sono rimasti contusi dopo l’impatto con i carri merci.
A quanto apprende l'agenzia Ansa, di solito il raccordo privato su cui si muovevano le carrozze merci e la linea convenzionale non dovrebbero intersecarsi. Invece oggi i carri (dei pianali ribassati rispetto alle carrozze ordinarie) erano sul binari, il regionale ha quindi tentato di frenare ma non è riuscito ad evitare l’urto, e questo ha sbalzato la prima vettura fuori dai binari. 

IL RACCONTO DEI PASSEGGERI: "PAURA DI MORIRE". «Abbiamo avuto paura di morire, ma per fortuna è andata bene». Sono stati attimi di paura per i passeggeri del treno regionale Parma-Bologna che oggi alle 12,40 si è scontrato con un treno merci. «Abbiamo sentito una fortissima frenata e poi un botto», racconta una studentessa 23enne reggiana che stava andando all'Università a Bologna.
Il regionale si è scontrato con un treno merci in manovra su uno svincolo nei binari. Uno dei carri portacontainer del merci si è capovolto sulla massicciata col rischio di cadere nella sottostante strada provinciale.
Sono intervenuti i vigili del fuoco, carabinieri, polizia municipale, polizia di Stato e sanitari del 118 che si sono prodigati nel soccorso e recupero dei passeggeri. Contemporaneamente il comune di Rubiera (Reggio Emilia) e protezione civile hanno allestito un punto di prima accoglienza per i passeggeri incolumi, predisponendo anche navette per trasportarli ai capolinea dei bus. «Si tratta di un fatto gravissimo - ha detto il sindaco di Rubiera, Emanuele Cavallaro - Ora bisogna indagare le responsabilità di questa cosa che poteva avere conseguenze molte più gravi».
Un passeggero, intervistato dalla rete modenese Trc, ha detto: "C'è stato un impatto violento" ma "si può dire che è andata anche bene. Una parte del carro merci che si è infilato sotto il treno ha rischiato di farlo deragliare e farlo cadere da un viadotto su cui si stava passando". (Foto pubblicata sul profilo Twitter ufficiale della Provincia di Reggio Emilia)

Video: il servizio del TgParma 

Treni in tempo reale nella nostra sezione Traffico
 

PROTEZIONE CIVILE MOBILITATA. Anche il sistema provinciale della Protezione civile di Reggio si è mobilitato nella tarda mattinata di oggi in seguito all’incidente ferroviario avvenuto a Rubiera, nei pressi del ponte sul Secchia.
Attivati dal sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro e dal vicesindaco Federico Massari, che hanno anche allestito un Centro operativo comunale (Coc) mobile, ed in raccordo con la Prefettura, Protezione civile della Provincia e Coordinamento delle associazioni di volontariato si sono in particolare occupati degli oltre 100 passeggeri. Mentre 118 e Croce rossa – intervenuti insieme a vigili del fuoco e forze dell’ordine - prestavano soccorso alle cinque persone rimaste ferite, la Protezione civile, grazie anche alla collaborazione della ditta Ruggerini che ha concesso alcuni spazi, ha allestito un punto di ristoro con bevande calde e coperte.
“Abbiamo assistito e registrato tutte le persone che erano a bordo dei treni e che erano in grado di proseguire il viaggio, accompagnandole poi con i nostri mezzi, i pullmini e i fuoristrada del Coordinamento delle associazioni di volontariato ai capolinea dei bus messi a disposizione da FS Italiane”, spiega la responsabile della Protezione civile, Federica Manenti, che ha coordinato le operazioni in stretto contatto con il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi. Le dichiarazioni sono riportate da un comunicato della Provincia di Reggio. 

CHIUSA LA PROVINCIALE 85 PER CAMPOGALLIANO A RUBIERA. La Provincia di Reggio Emilia ha reso noto che, in seguito all'incidente ferroviario di questa mattina a Rubiera, per consentire lavori di ripristino delle strutture danneggiate e di rimozione dei convogli, la strada provinciale 85 per Campogalliano è stata chiusa al traffico, con deviazione sulle vie Rainusso, del Palazzo, Fratelli Cervi, Napoli e Marsala per arrivare sulla via Emilia. Per i mezzi pesanti il divieto scatta ancora prima, a Osteriola. all’intersezione con la Sp 105, che si potrà percorrere fino a quando la normale viabilità non verrà ripristinata.
Per info in tempo reale sulla viabilità e in caso di eventuali emergenze consultare il profilo Twitter della Provincia di Reggio Emilia @ProvinciadiRE.

Hai testimonianze o foto? Scrivi alla redazione