Archivio

Calciomercato

Varese, dimissioni per Laurenza

L'ormai ex presidente biancorossi l'ha annunciato in conferenza stampa: "Ho la morte nel cuore, ma non sono più un valore aggiunto per il progetto. Non sono entrato nel cuore dell'imprenditoria locale".

16 febbraio 2015, 20:00

Nicola Laurenza si dimette da presidente del Varese.
 
L'annuncio è stato dato dall'ormai ex numero uno dei biancorossi lunedì in conferenza stampa: "Rassegno le dimissioni da presidente. Ho la morte nel cuore, ma non sono più un valore aggiunto per il progetto. Perché ora? Voglio dare il tempo alle risorse del territorio di farsi avanti e pianificare il futuro".
 
"Do pieno mandato a Imborgia e D'Aniello per valutare ogni interessamento ufficiale alle quote. Faccio autocritica: non sono entrato nella testa e nei cuori dell'imprenditoria locale. Colpa mia, mi faccio da parte. Ora sono tutti bravi a fare dietrologia, io ho fatto delle scelte. Chi lavora, chi vive e chi ama, sbaglia e fa errori - ha spiiegato -. I cori di sabato? I tifosi possono contestare. Spiace per i modi e il gergo. Mi ricorderò per sempre lo sguardo di mio padre quando mi insultavano. Rappresenta una grande ferita per me".
 
"Sono due anni che cercano di mandarci in Lega Pro. Io credo nei veri valori dello sport. L'emozione più bella? La salvezza dei signori nessuno, di un gruppo compatto indimenticabile. Compattatevi tutti, ci salveremo solo con il gruppo. Allo stadio? Come quando si lascia una bella ragazza, rivederla ti fa male. Non andrò più allo stadio. Da uomo della strada ringrazio il Varese che c'è, non rimpiango il Varese che c'era", la conclusione di Laurenza.

Varese, dimissioni per Laurenza