Archivio

sanità

Polemica su Venturi per i premi ai direttori dell'Ausl

19 febbraio 2015, 15:53

Polemica su Venturi per i premi ai direttori dell'Ausl

Dopo quella sullo stipendio (pagato dall’Usl, e più alto, anziché dalla Regione), una nuova polemica riguarda il neo assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna Sergio Venturi, che ha fatto insorgere opposizioni e sindacati.
Come riporta la cronaca bolognese di «Repubblica», infatti, Venturi, in qualità di assessore, ha deliberato un premio da 22 mila euro ai 17 direttori delle aziende sanitarie per saldare un debito lasciato in sospeso dalla precedente amministrazione: fra i beneficiari c’è anche lo stesso Venturi, fino a poco tempo fa direttore del Sant’Orsola. Alan Fabbri, capogruppo della Lega Nord, ha chiesto al presidente Stefano Bonaccini e a Venturi di risolvere il conflitto d’interesse: «Venturi decida - ha detto - se vuole fare l’assessore alla Sanità rinunci all’emolumento da direttore generale dell’Ausl, se vuole continuare a fare il medico liberi il posto in giunta, ma risolva immediatamente il conflitto di interessi del quale è volontariamente vittima. Non possiamo accettare che l’assessore deliberi 22 mila euro di compensi extra per tutti i manager delle Ausl e quindi, anche per se stesso. E’ uno scandalo che l’assessore sia contestualmente l’arbitro e il premiato. E’ una cosa senza precedenti e che non ha giustificazione».
Anche la Cisl ha protestato. «E’ immorale - ha detto Roberto Pezzani, segretario regionale della Fp-Cisl - che in un momento in cui i contratti della pubblica amministrazione sono bloccati da sei anni, in cui gli infermieri e il personale medico in prima linea sono costretti a doppi turni, a straordinari non pagati o non recuperati, a richiami dalle ferie e al blocco del turn over, le uniche risorse disponibili vadano a rimpinzare le tasche dei 17 direttori delle Ausl della Regione». r. c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA