Archivio

rugby

La Rugby Parma si allarga. Nuovi campi e una tribuna

La struttura del quartiere Montanara cresce

11 marzo 2015, 17:18

In un periodo in cui il "sistema Parma" mostra non poche difficoltà, soprattutto in ambito sportivo, giungono buone notizie dal rugby parmigiano, in casa Rugby Parma.
La società del Presidente Borri pensa in grande e progetta di investire nel medio termine sul proprio impianto "Banchini" di via Lago Verde. Dopo essersi adoperata intensamente e in prima persona per far ottenere il giusto riconoscimento a Sergio Lanfranchi mediante l'intitolazione al grande atleta del passato del principale impianto cittadino destinato all'altissimo livello, ha ora deciso di investire energie e risorse alla realizzazione di un sogno condiviso all'unanimità dai rappresentanti del consiglio d'amministrazione: creare negli spazi avuti in concessione dal Comune di Parma una struttura all'avanguardia a servizio del proprio movimento ma anche, direttamente e indirettamente, del quartiere Montanara e di tutta la città.
Un primo passo in questa direzione è già stato compiuto: nei giorni scorsi, infatti, è stato presentato ufficialmente al sindaco Federico Pizzarotti e all'assessore allo Sport Giovanni Marani il progetto di ampliamento degli spazi e delle strutture sportive di competenza della società gialloblu. Il progetto prevede la realizzazione di un campo in sintetico e di un terzo campo oltre all'ampliamento del campo da gara e alla costruzione di una tribuna per il pubblico che ospiterà anche gli spogliatoi e una palestra.
Grazie al lavoro svolto dall'attuale dirigenza che punta tutto sui giovani del proprio vivaio e del territorio provinciale e che dalla passata stagione ha con entusiasmo aperto le porte anche ad una nutrita squadra old, i "Besiò", i tesserati della Rugby Parma sono in continuo e costante aumento e sono molti gli ex gialloblu che stanno riavvicinandosi alla società.
Grazie a questo progetto sarà dunque possibile adeguare al trend in crescita le attuali strutture divenute ormai insufficienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA