Archivio

Traversetolo

Il Pellicano rinnova il direttivo: «Guarderemo più in casa nostra»

Il neo presidente Mazza: «Tra le famiglie aumentano le situazioni di disagio»

di Bianca Maria Sarti

12 marzo 2015, 22:16

Il Pellicano rinnova il direttivo: «Guarderemo più in casa nostra»

Il Pellicano ha un nuovo consiglio con un nuovo presidente e guarda alle emergenze di Traversetolo. Si è rinnovata l’associazione di volontariato nata nel 1993, che ha come principale obiettivo quello di aiutare i bambini e le loro famiglie in stato di difficoltà. Il Pellicano era nato su iniziativa di un gruppo di famiglie durante il dramma della guerra nell’ex Jugoslavia: alcune decine di bambini furono prelevati di campi profughi e ospitati in una trentina di famiglie traversetolesi.
Da allora l’associazione è cresciuta e, oltre all’attenzione per il nostro territorio, ha avviato diversi progetti nel mondo (Benin, Costa D’Avorio, Perù, Honduras, Bielorussia, Eritrea) nella convinzione che tutti i bambini hanno un uguale diritto di essere amati, nutriti e curati. Fondamentale nel tempo il sostegno delle istituzioni e di tanti cittadini, costantemente aggiornati sullo stato dei progetti.
Nei giorni scorsi è stato eletto il nuovo consiglio composto da Cristian Mazza, presidente; Gianpaolo Breviari vicepresidente; Giovanna Sandrini, segretaria; Antonio Cadei, tesoriere; Alberto Albertini, addetto alle pubbliche relazioni e i consiglieri Patrizia Benoldi, Rita Landi, Claudio Melegari, Giuliana Pelacci e Alberto Reverberi. Il programma del 2015 punterà l’attenzione «su casa nostra», come ha spiegato il neopresidente Cristian Mazza: «Alcuni temi sono sul tavolo, come l’aprirsi maggiormente a collaborazioni con altre organizzazioni no profit o ampliare l’assistenza a famiglie del territorio. L’impegno maggiore riguarderà il dare continuità alle iniziative già avviate da anni, come l’ospitalità al gruppo di ragazzi bielorussi a luglio; i sostegni diretti per le scuole in Benin; le adozioni a distanza e i libri donati alle scuole d’infanzia sull’integrazione culturale. Purtroppo – prosegue Mazza - anche sul nostro territorio stanno aumentando le situazioni di disagio per tante famiglie con minori. Rivolgeremo un’attenzione particolare “dentro casa nostra”. In coordinamento con il Comune, la Pedemontana Sociale e la Caritas, stiamo aiutando una dozzina di famiglie fornendo loro pannolini, latte e generi di prima necessità. Ma le richieste e i bisogni sono in continuo aumento».
Mazza ha concluso l’assemblea con un appello: «C’è un grande bisogno di forze nuove, sarebbe importante che qualche giovane entrasse nell’associazione.
Visitate il sito www.ilpellicanoonlus.wordpress.com o contattateci a ilpellicano.onlus@libero.it o ai numeri 348/2603795 (Alberto Albertini) o 348/2777998 (Cristian Mazza). Potete anche a donare il 5 per mille indicando il nostro Codice Fiscale n. 01915090342 nell’apposita casella del modello 730 o della dichiarazione dei redditi».