Archivio

MONTAGNA

Terenzo, la montagna fragile

di Valentino Straser

05 aprile 2015, 13:53

Terenzo, la montagna fragile

Rimane pesante il bilancio del dissesto idrogeologico nel territorio di Terenzo. È ancora chiusa al traffico la strada di Paternesa per un dissesto che ha compromesso la carreggiata. Gli operai e i tecnici del Comune sono al lavoro ormai da diversi giorni con carichi di lavoro estenuanti per cercare di restituire in tempi brevi i collegamenti con le abitazioni della frazione.
Problemi sono segnalati anche per la strada che unisce la Val Sporzana e la Val Baganza, passando da monte Bosso, dissestata in almeno tre punti a causa della fragilità del versante. I movimenti gravitativi hanno trascinato sulla strada detriti, causato avvallamenti, buche, e parziali cedimenti alla sede stradale. Gli operatori sono al lavoro per rendere transitabile la strada in sicurezza, seppure con tutte le cautele del caso.
A preoccupare i tecnici e gli abitanti è la temuta evoluzione del movimento franoso che si origina nei pressi di Cella di Palmia, sul versante della Val Baganza, e minaccia, oltre a campi e boschi, anche la viabilità locale. La frana è monitorata giorno dopo giorno per il timore che possa evolversi in tempi brevi, viste le previsioni meteorologiche dei prossimi giorni che annunciano piogge e anche nevicate alle quote più elevate del territorio di Terenzo.
Problemi sono segnalati anche lungo la strada che unisce il fondovalle del torrente Baganza a Ca’ Sana, minacciata da due dissesti che coinvolgono anche un tratto della rete dell’acquedotto. L’emergenza di questi giorni, ha spiegato il sindaco Danilo Bevilacqua, è stata fronteggiata con il personale e le macchine operatrici in dotazione al Comune.
Vista la fragilità del territorio e le bizze del clima, ha ribadito il primo cittadino di Terenzo, cercheremo di potenziare il parco mezzi per agire con efficacia e tempestività per contrastare eventuali emergenze idrogeologiche, come quelle che si sono verificate in questi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA