Archivio

Calciomercato

A Di Natale i soldi non interessano

“Mi è tornata la voglia di giocare, i 10mila del Friuli mi hanno fatto piangere. Futuro? Deciderò dopo il mare”.

12 maggio 2015, 12:40

L'Antonio Di Natale che con il calcio voleva farla finita, non c'è più.

Il nuovo Totò, sarà per il record di gol di Roby Baggio battuto o per il tifo caloroso che riservano sempre i sostenitori delle ‘zebrette', non ha la minima intenzione di appendere gli scarpini al chiodo. In un'intervista alla Gazzetta dello Sport, l'attaccante partenopeo ha dimostrato di aver ritrovato l'entusiasmo: “I 10mila del Friuli mi hanno fatto piangere. Il rapporto tra la famiglia Pozzo e Udine è qualcosa di fantastico, non mi aspettavo una festa del genere, quello che questa proprietà ha fatto per me è incredibile. Il mio futuro sicuramente non sarà legato ai soldi. Mi è tornata la voglia di giocare e di dare qualità. La palla in una partita si tocca per non più di sei minuti, l'importante è fare gol”.

Insomma, a 37 anni suonati Di Natale si sente ancora un ragazzino. Ormai bandiera bianconera, sembra impossibile che prosegua a giocare lontano dal Friuli, ma la sua ultima frase lascia aperto qualche altro spiraglio: “Futuro? Dopo il 6 di giugno andrò al mare. Poi deciderò, perché dovrò rifletterci bene”.

A Di Natale i soldi non interessano