Archivio

Calciomercato

Ibra: "Voglio tornare al Milan"

Galliani ha chiamato lo svedese, che si è detto disponibile. Bisogna solo convincere il Psg.

10 giugno 2015, 02:40

Squillino le trombe, ci si prepari alle code rossonere davanti ai rivenditori di abbonamenti: la rivoluzione del Milan non si ferma assolutamente all'ingaggio di Sinisa Mihajlovic. In confronto, quelle, sono bazzecole: Zlatan Ibrahimovic vuole tornare a guidare l'attacco del ‘Diavolo'.

Sì, è tutto vero. Nella giornata di martedì Adriano Galliani e l'agente Mino Raiola si sono incontrati e hanno parlato a lungo della possibilità di riportare lo svedese a Milano. Alla presenza del procuratore, l'ad ha alzato la cornetta, composto il numero di telefono di Ibra e gli ha chiesto se fosse disponibile a rivestire la casacca rossonera.

E Ibra ha risposto “sì”.

Non è un caso, viste le parole da lui proferite in occasione della sconfitta del Psg in Ligue 1 contro il Bordeaux: "La Francia è un Paese di m...". Il problema ora è ‘solo' il Psg: mercoledì Galliani chiamerà la società parigina e capirà se vorrà privarsi di Ibrahimovic. Ed eventualmente bisogna ascoltare le richieste economiche per il cartellino, che il Milan spera vivamente sia trattabile.

Per quanto riguarda un eventuale ingaggio dello svedese, le cifre si aggirerebbero sui 6 milioni netti a stagione e si pensa a un triennale.

Tramontata definitivamente, quindi, la pista Jackson Martinez, per il quale il Porto aveva chiesto 35 milioni di euro.

Fa sorridere pensare a un terzo incontro tra Sinisa Mihajlovic e Zlatan Ibrahimovic. La prima volta i due si presero a testate in campo, quando militavano l'uno nell'Inter e l'altro nella Juventus. La seconda, con tutt'altro spirito, fu quando il croato - vice allenatore di Mancini all'Inter - si avvicinò allo svedese in panchina al Tardini, con i nerazzurri che dovevano vincere contro il Parma per mettere le mani sullo scudetto, e gli disse: “Adesso entri e ci fai vincere il campionato”. Ibra entrò, siglò una doppietta, e l'Inter salì sul tetto d'Italia.

Ibra: