Archivio

Sport

Serie D: la Federazione sceglie Parma Calcio 1913

Il sindaco Pizzarotti: "Decisione in sintonia con la città"

27 luglio 2015, 18:24

Affiliazione alla serie D, la Federazione ha scelto: Parma Calcio 1913 rappresenterà Parma nel prossimo campionato di serie D. 

Il vice presidente di Parma Calcio 1913, Marco Ferrari, commenta brevemente l'affiliazione della società alla FIGC: "Finalmente possiamo partire. Non abbiamo tempo da perdere e abbiamo molto lavoro da fare. Forza Parma". Domattina la presentazione dei tecnici e della campagna abbonamenti. 

La società ha reso noto che domani alle 11 nella sala stampa del Tardini è in programma una conferenza stampa, alla luce della recente ammissione della società a disputare il prossimo campionato di serie D. Saranno presentati i principali quadri tecnici: Lorenzo Minotti (Responsabile Area Tecnica), Andrea Galassi (Direttore Sportivo), Luigi Apolloni (allenatore prima Squadra) e Fausto Pizzi (Responsabile Settore Giovanile) e comunicati prezzi e modalità della campagna abbonamenti 2015/2016, che sarà possibile sottoscrivere online già da domani. 

Gazzettadiparma.it seguirà la conferenza stampa e vi aggiornerà in diretta 


Video: la cronaca del TgParma


IL SINDACO PIZZAROTTI: "PROGETTO INNOVATIVO E PARTECIPATO, DECISIONE IN SINTONIA CON LA CITTA' ". 
Il sindaco Federico Pizzarotti commenta, attraverso una nota, l'affiliazione di Parma Calcio 1913 alla serie D, decisa oggi dalla Figc. 
Dice il comunicato del sindaco: 

Apprendiamo che la Federazione ha deciso: “Parma Calcio 1913” rappresenterà Parma nel prossimo campionato di serie D.
Era una decisione attesa e auspicata.
Come Comune eravamo chiamati a dare un'indicazione, lo abbiamo fatto alla luce del sole per sostenere un progetto che ci è apparso innovativo, partecipato, fondato su un'idea di calcio pulito, capace di coinvolgere la città in tante sue espressioni.
Dopo quello che è successo con il calcio a Parma, abbiamo in questo modo voluto dare un segnale, lasciando ovviamente alla FIGC il ruolo che istituzionalmente le spetta.
E ci fa particolarmente piacere che la decisione sia andata nella direzione da noi indicata, interpretando anche i sentimenti di tanti tifosi e cittadini che si sono subito sentiti in sintonia con il progetto espresso dalla società “Parma Calcio 1913”.
Cosi si ricomincia, si riparte dalla Serie D, si farà al Tardini, e si farà con l'entusiasmo di chi lavora per tornare in un posto più consono alle tradizioni centenarie di Parma nella vita calcistica nazionale.
Un grazie sincero, anche da parte del Comune, vada a tutti coloro che, ciascuno secondo le sue possibilità, hanno lavorato in questi mesi per la rinascita del calcio a Parma e un grande “in bocca al lupo!” alla Società, alla squadra e all'intero staff che rappresenterà i colori crociati sui campi di calcio da settembre prossimo. 

CORRADO: "DETERMINANTE LA LETTERA DI ACCREDITAMENTO DEL SINDACO". «Alla fine è stata determinante la lettera di accreditamento del sindaco, mai arrivata a favore di Magico Parma. Dispiace che il primo cittadino di Parma abbia voluto penalizzare in maniera così determinante il nostro lavoro e privare la città di una possibile valida alternativa, diversa nel suo contenuto, che guardava al futuro senza nostalgia del passato e che poteva vantare competenze e professionalità di primissimo livello». Lo sostiene, in una nota, "Magico Parma", la cordata capeggiata da Giuseppe Corrado che aveva presentato alla Figc una proposta alternativa a quella di Parma calcio 1913.
«Prevalere nella corsa al titolo - dice Magico Parma - non è stato semplice per la cordata Parma 1913 e, nonostante alcune condizioni di privilegio e di particolare favore, per vincere è stato necessario l’aiuto determinante del sindaco. L’ombra di Magico Parma aumenterà ulteriormente la pressione e la responsabilità di chi ha vinto e di chi ha condizionato il risultato. Ringraziamo la Figc per l’apprezzamento mostrato alla nostra iniziativa e per averci sostenuto nel nostro tentativo di salvare il Parma dal fallimento. Auguriamo a Parma 1913 non solo un campionato facilmente vittorioso in Serie D ma un arrivederci veloce in serie A».