Archivio

Tgnèmmos vìsst

'Na curiozitè äd stòrja Pramzàna: al pjóc' in Bórogh dal Gèss

di Enrico Maletti

06 agosto 2015, 20:51

'Na curiozitè äd stòrja Pramzàna: al pjóc' in Bórogh dal Gèss

Al pjóc' in Bórogh dal Gèss

'Na curiozitè äd stòrja Pramzàna. Da pjàsa Garibäld, zà pjàsa Grànda, a gh'é via Farini, 'na vòlta sträda di Genvéz e ai nóstor gióron consùda cme sträda ädla “movida”. Sträda di Genvéz l' éra ciamäda acsì parchè in-t-al prìmm tòch a partìr da pjàsa Grànda, a gh'éra di marcànt e di negosjànt chi gnävon dala citè Lìgur e l'éra la sträda indó riväva i Lunigianéz, i Genvéz, dal pas ädla Cìza, pas dal Cirón, pas Linäri, incó pas dal Lagastrél. Da pjàsa Garibäldi, su par via Farini, la tèrsa sträda a sinìsstra l'é via Ferdinando Maestri, consùda anca cme bórogh dal Gèss indó gh'éra i Gesär chi lavorävon al gèss e in-t-al medio evo l'éra la periferìa äd Pärma. In cóll bórogh chì, la ca' in àngol con via Farini l' éra alóra 'na ca' Tòrra a diféza di citadén äd Pärma dala génta ch' la gnäva déntor in citè, e l' éra ciamäda “Porta Pidocchiosa” “Porta spjoción'na”, dill vòlti par diféndros dai malìggn, i pramzàn i butävon zò äd l'òli bojént, In via Maestri, insìmma ala prìmma porta su la déstra, ancòrra incó gh'é scavè l'imàgina d' un pjóc'. I vjandànt chi rivävon da fóra Pärma, prìmma äd gnìr déntor in citè i gh'ävon l' obligh äd laväros, cavèros i pjóc', perciò spjociäros, e al pòst par spjociäros l'éra pròprja “Porta Pidocchiosa” “Porta spjoción'na” in-t-al pòst indó ancòrra incó gh'é incastrè la figùra dal pjóc'. Tgnèmmos vìsst

Testo in italiano
Il pidocchio in borgo del Gesso
Una curiosità di storia parmigiana. Da piazza Garibaldi, già piazza Grande, c'è via Farini, conosciuta anche come strada dei Genovesi e ai nostri giorni come strada della «movida». Strada dei Genovesi era così chiamata perché nel primo pezzo partendo da piazza Grande, avevano sede dei commercianti e dei negozianti che provenivano dal capoluogo Ligure ed era la strada da dove arrivavano i Lunigianesi, i Genovesi, dal passo della Cisa, passo del Cirone, passo Linari, oggi passo del Lagastrello. Da piazza Garibaldi, percorrendo via Farini, la terza strada a sinistra è via Ferdinando Maestri, conosciuta anche come Borgo del Gesso dove avevano sede i Gessai. Nel Medioevo era la periferia di Parma. Imboccando questo borgo, la casa a destra all'angolo con via Farini era allora una casa torre a difesa dei cittadini di Parma dalle persone che entravano in città, ed era chiamata Porta Pidocchiosa: a volte per difendersi dai maligni i parmigiani gettavano dell'olio bollente. In via Maestri, sopra alla prima porta sulla destra, ancora oggi è scavata l'immagine di un pidocchio. I viandanti che arrivavano da fuori Parma, prima di entrare in città dovevano obbligatoriamente lavarsi, pulirsi, perciò spidocchiarsi, togliersi i pidocchi e il posto per questa operazione era la Porta Pidocchiosa in borgo del Gesso nel luogo dove oggi è incastrata l'effigie del pidocchio.

Maltempo, una tregua per contare i danni
VALTARO E VALCENO

Maltempo, una tregua per contare i danni

Dopo la tempesta di neve Comuni e Provincia hanno rimesso in sicurezza le strade. Il manto bianco è calato a 10-20 centimetri. Interventi d'emergenza a Compiano