Archivio

Basket

Arrivano in Italia due star della NCAA

Alex Oriakhi (ex Connecticut) e Andre Dawkins (ex Duke) hanno firmato per l'Orlandina e Torino: vogliono sfondare in Italia.

13 agosto 2015, 20:20

Arrivano in Italia due star della NCAA
Davvero non finiscono mai le sorprese del mercato di Sassari. Fa tornare in Serie A il 38enne Denis Marconato centro "Razza Piave" (2,12) ex azzurro) che nella sua lunga carriera ha giocato in squadre importanti (Treviso, Cantù Milano) e apprezzato anche in Spagna (Gipuzkoa e Barcellona) e l'anno passato fra i cadetti (Montichiari, 4,9 punti e 5,8 rimbalzi). Arriva invece dal Giappone il giovane Yuri Togashi (23 anni) piccoletto (1,70) dagli occhi a mandorla chiamato dai Mavericks per la squadra satellite (Texas Legends, 2,1 punti e 1 assist) dopo un'eccellente stagione con gli Hakita Happiness (16,3 punti, 2,9 rimbalzi, 7,6 assist).  Fra i convocati della nazionale del Sol Levante per il torneo di qualificazione in Cina dal 23 settembre al 3 ottobre, potrebbe essere non disponibile per la Supercoppa e la prima giornata di campionato (4 ottobre). Sassari presentò l'anno scorso un cinese sostenendo che era importante una liason col mercato asiatico, magari la prossima volta sarà un coreano o, perchè no?,  il gigante indiano di 2,20 dell'ultimo draft.
 
Un giocatore importante per l'Orlandina che, conquistata la salvezza, alza la mira nella Spaghetti League e per la prossima stagione presenta Alex Oriakhi (25, 2,08, nato a Lowell, Mass.). Vinto il titolo NCAA con gli Huskies (Connecticut) nel 2010-11 è passato poi all'Università del Missouri e chiamato al draft 2013 nel secondo giro da Phoenix (n.57°). Finito a Sacramento nel trade per Isiash Thomas, non ha trovato posto nel roster e firmato in Israele per far ritorno dopo una breve esperienza negli Usa e giocare nella D-League. Ha risposto poi alla chiamata del lituani del Zvaigdes (9,6 rimbalzi e 5,5 rimbalzi) e riprovato alla Summer League con i Kings di Belinelli come possibile cambio di DeMarcus Cousins ma niente da fare, ecco allora accettare la Sicilia con il suo entusiamo per un mercato ricco di novità, con arrivi da vari paesi.
 
Un altro ex campione della NCAA con la maglia dei Blue Devils (la squadra del celebre coach Krszewski) Andre Dawkins (24 anni, 1,96, guardia tiratrice) sarà la princiale novità dell'Auxilium Torino per il ritorno in A. Giocatore dal tiro sicur dalla distanza, capace di schiacciate spettacolari, può cominciare una carriera europea importante non avendo trovato negli States la sua opportunità fra un passaggio e l'altro in D League (Siuox Falls e Maine Red Claws) e la NBA (4 partite a Miami, mai messo in campo dai Boston). Non è parente del grande Darryl Dawkins , il personaggio più importante nella storia del basket di Torino e naturalmente della NBA ai tempi in cui il gm era Beppe De Stefano.
 
Due vecchie conoscenze del basket italiano continuano a trovare posto nelle squadre europee, come Donnie McGrath (1,93, 31, Providence, ex di Varese, Verona, Teramo e Granarolo) che ha firmato per il Monbus Obradoiro e James Singleton (34, 2,03) che ha vestito Armani (e Jesi), girato diverse squadre della NBA, provato in Cina e ricominciato negli Usa con i Canton Charge (D-L, 12,6 punti, 8,3 rimbalzi, 2 assist) per una nuova sfida in Israele (Bne Hettzeyya).
 
Per quanto riguarda l'Euroleague dove l'Olimpia è stati protagonista principale come volume di acquisti, ben 9 fra cui due giovani, importanti colpi slavi del Fenerbahce, il club e ha puntato su Gigi Datome, che ha preso Nikola Kalinic (2,02, 23 anni, Novi Sad), il possibile cambio dell'azzurro con un biennale più un'opzione per il terzo anno. Si è fatto conoscere nel Radnicki Kragujaevac,e acquistato dalla Stella Rossa ha contribuito alla tripletta (Lega Serba, lega Adriatica e coppa nazionale) con 9,2 punti e 3,9 rimbalzi e ha messo piede nella nazionale in Spagna conquistando l'argento mondiale. La Stella Rossa che ha chiuso l'era-Partizan ha preso invece con un triennale il centro Stefan Nastic (22 anni, 2,11), punto di  forza di Stanford (13,4 punti, 6,5 rimbalzi, 1,4 assist, 1 stoppata) ignorato dal draft, ma al potenziale notevole davanti a sé per essere una delle maggiori novità dell'Euroleague.
 
A cura di Enrico Campana
 

Arrivano in Italia due star della NCAA