Archivio

Rugby

Rugby, Italia umiliata dalla Scozia

Il test match finisce 48-7: peggior passivo di sempre.

29 agosto 2015, 21:40

Rugby, Italia umiliata dalla Scozia

Termina col peggiore passivo di sempre per l'Italia, in Scozia, la partita al Murrayfield Stadium di Edinburgo. Gli Azzurri hanno perso 48-7, facendo molta fatica nel possesso palla, nella costruzione del gioco e commettendo errori che i padroni di casa hanno sfruttato al meglio. La squadra allenata da Cotter ha mostrato in campo molta più voglia e grinta, cercando di cancellare la sconfitta interna subita al 6 Nazioni scorso contro il XV di Brunel.

Prossimo appuntamento per il terzo e ultimo test match pre mondiale a Cardiff, contro il Galles, sabato 5 settembre alle 18 ore italiane (diretta su Dmax).

 

Edinburgo, Murrayfield Stadium – sabato 29 agosto

Test Match

Scozia v Italia 48-7

Marcatori: p.t  5' c.p. Laidlaw (3-0); 10' m. Lamont tr. Laidlaw (10-0); 23' c.p. Laidlaw (13-0); 27' c.p. Laidlaw (16-0); 30' m. Campagnaro tr. Allan (16-7); .s.t. m. 48' Visser (28-7); 56' c.p. Laidlaw (31-7); 62' m. Lamont (36-7); 72' m. Visser tr. Russel (43-7), 79' m. Bennet (48-7)

Italia: McLean; Esposito (51' Masi), Campagnaro, Morisi, Sarto; Allan (73' Canna), Palazzan (73' Violi); Vunisa, Minto (65' Bergamasco), Zanni; Furno, Fuser (55' Geldenhuys); Castrogiovanni (55' Chistolini), Ghiraldini (65' Manici), Aguero (34' Rizzo)
a disposizione: Manici, Rizzo, Chistolini, Geldenhuys, Bergamasco, Violi, Canna, Masi
all: Brunel

Scozia: Hogg (68' Jackson); Lamont, Bennet, Horne (51' Scott), Visser; Russel, Laidlaw (66' Pyrgos); Denton, Barclay (61' Cowan), Wilson; Gray (61' Harley), Gilchrist; Nel (63' Welsh), Ford (57' Mcinall7), Dickinson (63' Reid)
a disposizione: Mcinally, Reid, Welsh, Harley, Cowan, Pyrgos, Jackson, Scott
all: Cotter

arb. Roman Poite (FRA)

Man of the match: Dickinson

Note: Pomeriggio soleggiato, campo in ottime condizioni

Cartellini: 38' cartellino giallo per Minto (Italia), 68' cartellino giallo per Rizzo (Italia)

Calciatori: Laidlaw (Scozia) 6/8, Allan (Italia) 1/1, Russell (Scozia) 1/2
 

5'- Dopo qualche minuto di pressione iniziale, i padroni di casa riescono a sbloccare il risultato con un calcio piazzato di Laidlaw che centra i pali da circa 25 metri.

10'- La Scozia continua a premere sull'acceleratore e poco dopo aver mosso il risultato aumenta il vantaggio a proprio favore con una meta di Lamont che sorprende la difesa azzurra. Laidlaw trasforma per il momentaneo 10-0.

23'- Gli Highlanders sfruttano a proprio vantaggio ogni occasione nella fase offensiva e con Laidlaw in stato di grazia continuano ad aumentare il distacco con gli azzurri, portandosi sul 13-0 con un calcio piazzato del proprio numero 9.

27'- Il copione si ripete pochi minuti più tardi con Laidlaw che timbra il suo quarto calcio piazzato di giornata su quattro tentativi: il parziale è di 16-0.

30'- Gli Azzurri reagiscono e su una palla vagante si fionda Michele Campagnaro che è il più lesto di tutti ad impossessarsi dell'ovale e a depositarlo oltre la linea di meta. Allan completa l'opera con la trasformazione per il momentaneo 16-7.

38'- La Scozia perde palla, ma l'arbitro torna su un vantaggio precedente e ammonisce Minto per un fuorigioco precedente.

39'- Il XV di Cotter non si fa pregare e approfitta della superiorità numerica per andare in meta con Barclay, assegnata dopo un TMO richiesto da Poite. Laidlaw trasforma e manda le squadre al riposo sul 23-7.

44'- Luke McLean ferma la Scozia sul più bello con un gran placcaggio ad un passo dalla linea di meta.

48'- L'Italia ha problemi nel possesso palla e i padroni di casa riescono a imporre il proprio gioco. Dopo una bella azione di squadra, con un'apertura panoramica Visser viene servito ottimamente sul lato sinistro scozzese e in solitaria realizza la meta che Laidlaw non trasforma.

56'- Laidlaw si rifà prontamente e con un calcio piazzato va nuovamente a segno, sfruttando anche alcune decisioni di Poite che, a volte, ha penalizzato la mischia italiana.

62'- Gli Azzurri faticano molto a costruire gioco contro la voglia matta degli scozzesi di fare risultato tra le mura amiche e all'ennesimo errore in fase di costruzione fa seguito la seconda meta di giornata di Lamont che sul lato sinistro dell'Italia intercetta palla e va in meta senza particolari difficoltà per il momentaneo 36-7.

68'- In una mischia a pochi metri dall'area di meta scozzese, Rizzo commette un fallo di reazione che gli vale il cartellino giallo, il secondo per l'Italia dopo quello rimediato da Minto nella prima frazione di gioco.

72'- Con la squadra di Brunel ridotta in inferiorità numerica, gli Higlanders non si fanno pregare e sfruttano un errore in fase offensiva dell'Italia per rubare palla con Visser che si fa quasi tutto il campo in solitaria per realizzare la sua seconda meta. Russell completa la trasformazione per il parziale di 43-7.

79'- Altro errore in fase di costruzione, questa volta l'ovale diventa preda di Bennet che intercetta un passaggio sbagliato e realizza l'ennesima meta in solitaria per i padroni di casa. Russell sbaglia l'ultima trasformazione del match e il punteggio finale resta sul 48-7.

Rugby, Italia umiliata dalla Scozia