Archivio

stranieri

Profughi: da lunedì puliranno i cortili delle scuole

Lavori utili per i richiedenti asilo: approvata una convenzione tra Comune e Fondazione Caritas Sant'Ilario

di Beppe Facchini

24 settembre 2015, 20:54

Profughi: da lunedì puliranno i cortili delle scuole

Pulizia di aree verdi e dei cortili interni di alcuni istituti scolastici, rimozione del manto nevoso sui marciapiedi durante l’inverno, rimozione di graffiti a firma di vandali sui muri e rimozione di erbacce vicino i monumenti più importanti della città.

L’amministrazione comunale, tramite il progetto “Mi impegno a Parma”, è pronta ad impiegare in piccoli lavoretti i richiedenti asilo del territorio: ben 462 in tutta la provincia, in 25 strutture. Cinque di queste, come ricorda una determina del settore Sociale dell’ente, sono gestite nel territorio comunale da Fondazione Caritas Sant’Ilario (in rappresentanza anche del convento dei frati minori Santissima Annunziata e dell’associazione San Giuseppe), Comunità Betania, associazione Gruppo Amici, Aurora Domus e associazione Svoltare Onlus. Ed è proprio con loro che adesso si sta per intraprendere un percorso fatto di accoglienza e impegno civico rivolto ai stranieri che si sono visti spalancare le porte della città nel momento più difficile della propria esistenza. Tramite il progetto da poco abbandonato dal Forum Solidarietà, il Comune, perseguendo i principi del cosiddetto “Nuovo Welfare di Parma” voluto dall’assessore Rossi, ha intenzione di aumentare ed incentivare dei percorsi di integrazione e fiducia reciproca, dando la possibilità ai richiedenti asilo ospitati in città di girare per il territorio comunale rendendosi davvero utili alla comunità. L’idea di un progetto del genere è stata più volte ribadita proprio dalla Rossi, che adesso, superati gli intoppi burocratici finora riscontrati e ricordati anche in un’intervista alla Gazzetta durante l’estate, è finalmente riuscita a portare a casa un risultato inseguito da molto tempo.

La Fondazione Caritas Sant’Ilario svolgerà il ruolo di capofila e riferimento per il Comune, gestendo anche il budget economico di 2.500 euro che l’ente mette a disposizione per l’acquisto di forniture per lo svolgimento delle attività di tutti i volontari.

Un contributo da liquidare «a fronte di note spese documentate alle scadenze prestabilite e comunque dopo l’avvio delle attività».

Tutte le realtà coinvolte avranno inoltre il compito di redigere un report finale sull’attività svolta. La convenzione è stata approvata da qualche giorno e, assicurano dal Comune, già dalla prossima settimana diventerà normalissimo incrociare i primi richiedenti asilo alle prese con lavori di manutenzione per le vie della città.