Archivio

Le nostre iniziative

Guida alla ricerca dei funghi: il 4° e ultimo volume

30 settembre 2015, 22:42

Guida alla ricerca dei funghi: il 4° e ultimo volume

Dal 1° ottobre sarà in edicola la quarta e ultima guida, della serie «Guide alla ricerca dei funghi nell’Appennino parmense», opera in 4 volumi edita e distribuita da Gazzetta di Parma nell’autunno 2012. La quarta guida, «Val Cedra e Val Parma», descrive l’Appennino parmense orientale che in particolare negli ultimi anni si è rivelato molto fruttifero in termini di porcini, forse per la maggiore piovosità riscontrata. Sono ben sette le macro aree qui le scritte che vanno dalla zona del Passo del Silara, ai confini con la Val Baganza trattata nel precedente volume, fino agli estremi orientali del crinale parmense: il confine con la provincia di Reggio Emilia nella zona del Passo del Lagastrello. Verso valle, invece, gli itinerari si sviluppano fino alle zone del Monte Caio e del Monte Fuso. Le macro aree di Lagdei, Lagoni e Prato Spilla descrivono itinerari nella parte più alta di queste montagne, nelle zone più belle e incontaminate, sulle rive dei laghi glaciali e al limite delle praterie a mirtillo. Va da sé che si tratta di aree adatte alla ricerca nelle stagioni e nei momenti in cui i funghi nascono veramente in alto, al limite della vegetazione arborea (un po’ come in queste ultime settimane). Soprattutto nella zona di Lagdei e dei Lagoni le aree di ricerca comprendono anche ampie zone di abetaia, che spesso sono molto generose nel giusto momento stagionale, oltre ad esser facili aree di ricerca per l’assenza di sottobosco. Itinerari a quote intermedie si sviluppano invece nelle macro aree di Valditacca e di Trefiumi, caratterizzate sia da castagneti sia da faggete, in quelle umide porzioni di valle più prossime al crinale. Per andare alla ricerca di funghi alle quote più basse, invece, si può scegliere tra quattro itinerari in Val Bratica, che comprendono gli spettacolari castagneti di Riana e Casarola, o rimanere a metà valle, più vicini alla pianura, sulle pendici del Monte Caio e nei castagneti del Monte fuso. Con questo quarto volume si conclude la collana. Ancora per qualche settimana si potranno trovare in edicola sia questo quarto volume sia gli altri tre numeri già usciti («Val Ceno e Alta Valtaro», «Albareto, Tornolo e Val Tarodine», «Borgotaro, Berceto e Val Baganza»).r.c.