Archivio

Basket

Cantù ko all'overtime a Reggio Emilia

La Grissin Bon piega in rimonta i brianzoli.

18 ottobre 2015, 01:00

Cantù ko all'overtime a Reggio Emilia
Reggio Emilia rimane imbattuta dopo un'incredibile rimonta da -17 nel quarto periodo, vincendo contro l'Acqua Vitasnella Cantù per 97-92 dopo un overtime. Kaukenas e Lavrinovic sono il cuore e l'anima della rimonta nel quarto periodo, con il lungo vero dominatore dell'overtime. Per Cantù è una clamorosa occasione persa che potrebbe rimanere pesantemente nelle teste dei giocatori in futuro.
 
E' una Cantù subito ad alto voltaggio offensivo che è in grado di controllare il ritmo e riuscire a distendersi spesso in campo aperto sfruttando contropiedi e transizioni. Reggio si mantiene a contatto con l'esperienza di Lavrinovic, ma non morde in difesa e la squadra di Corbani riesce a punire ogni mismatch, soprattutto quando in campo c'è De Nicolao, portato spalle a canestro in un paio di occasioni.
Nel secondo quarto i presagi dei primi dieci minuti si confermano con Heislip che s'iscrive alla partita e trascina di peso i suoi al vantaggio in doppia cifra. Sono cinque punti in fila di Ross a sancire il 12-0 con cui gli ospiti provano la fuga, fermata solo momentaneamente da Polonara che prova a metterci una pezza. E' ancora Heislip a segnare la tripla del nuovo +13, che è anche il distacco con cui si va negli spogliatoi per la pausa lunga.
 
Dopo il tè caldo Cantù non molla nemmeno un centimetro e vola anche sul +17 davanti a una Reggio scossa e sulle gambe. Per tentare la rimonta la Reggiana si affida a Pietro Aradori che con due giochi da tre punti prova a scuotere l'ambiente, rimettendo in partita il pubblico, ma Cantù ha l'antidoto per il primo vero momento di difficoltà e trova con due liberi di Laganà assieme all'ennesimo canestro di Heislip il +17. Anche in questo caso il distacco sarà esattamente quello dell'ultima pausa, dove l'Acqua Vitasnella sembra avere la partita in pugno dopo aver respinto la prima rimonta reggiana.
L'inizio di quarto periodo è all'insegna dell'arrembaggio per gli uomini di Menetti che siglano un 8-0 con DeNicolao (6 punti) e Lavrinovic. Il palazzetto è una bolgia sul gioco da tre punti del piccolo playmaker e i tifosi cominciano a crederci.
Kaukenas segna da tre, Silins schiaccia e DeNicolao fa addirittura -5 in entrata, mentre Cantù è in completa bambola collezionando palle perse a ripetizione. Sono altri due canestri di Rimas a sancire il -2 con ancora quattro minuti sul cronometro, mentre i brianzoli toccano le 17 palle perse (7 in sei minuti di quarto periodo).
A 1.19' arriva il sorpasso di Reggio con un tap-in di Polonara, prontamente risposto da Ross, che ferma la siccità canturina. Lavrinovic domina ancora il quarto periodo con un altro canestro per il nuovo vantaggio reggiano entrando nell'ultimo minuto di gioco e l'ambiente è letteralmente infuocato. Silins con l'appoggio fa +3 per Reggio, ma Wojciechovski con una bomba dall'inspiegabile libertà sigla il pareggio a 17” dalla fine. L'ultima azione va nelle mani di Kaukenas che trova Silins nell'angolo per la tripla che va corta e si va all'overtime.
 
Nel prolungamento è ancora una volta il momento di Lavrinovic che in post basso predica letteralmente pallacanestro facendo impazzire ogni avversario e suonando la carica per la fuga che poi viene puntellata dal contropiede di Kaukenas che sostanzialmente chiude il match e regala una rocambolesca vittoria ai biancorossi.
 
In collaborazione con basketissimo.com

Cantù ko all'overtime a Reggio Emilia

© RIPRODUZIONE RISERVATA