Archivio

san leonardo

Un chiosco per far rinascere il parco Nord: c'è un bando

17 ottobre 2015, 21:05

Importanti novità in arrivo per i residenti del quartiere San Leonardo. Il Parco del Naviglio, detto anche Parco Nord, è finalmente materia di un avviso pubblico del Comune di Parma, alla ricerca di un privato in grado di presidiare l’area verde installando un chioschetto per la somministrazione di bevande e alimenti e rianimare la zona anche attraverso iniziative culturali. L’accordo prevede la concessione, per 12 anni, di una parte di terreno da 55 metri quadrati a chi presenterà in busta chiusa, tramite raccomandata o direttamente all’ufficio protocollo del Duc, la documentazione necessaria entro il 20 novembre. I requisiti richiesti, tra gli altri, sono quelli di esperienze pregresse nel settore, fedina penale pulita, particolare attenzione all’occupabilità giovanile, qualità architettonica del chiosco, progetto di business affidabile, promozione di prodotti a chilometro zero e offerta di servizi aggiuntivi come wi-fi, spazio cambio bimbi, area cani e cura del verde. Per l’utilizzo del terreno, si legge nell’avviso, online da qualche giorno sul sito dell’ente, «il concessionario dovrà corrispondere annualmente al Comune di Parma il canone C.O.S.A.P.» e, all’atto di stipula del contratto, dovrà anche «costituire a scopo cauzionale apposita fidejussione bancaria o assicurativa pari a due annualità del canone C.O.S.A.P. dovuto». Inoltre, per la realizzazione del chiosco, interamente a spese del privato, chi si prenderà cura del Parco Nord, garantendo apertura del punto ristoro almeno 8 ore al giorno, «dovrà richiedere ai competenti uffici comunali il titolo abilitativo edilizio previsto dalla normativa vigente», investire di tasca propria il necessario per l’allaccio alle reti pubbliche di acqua, elettricità, gas, fognatura e telefono, mettere a disposizione dei fruitori del parco i servizi igienici e sottoscrivere «apposita polizza assicurativa contro i rischi diresponsabilità civile verso terzi o cose di terzi derivanti dalla fruizione dell’areaconcessa e della struttura ivi installata con massimale non inferiore a 2.600.000,00 euro». Insomma, per il privato che si aggiudicherà il bando non sarà proprio una passeggiata, ma qualcuno interessato a farlo potrebbe già esserci. L’avviso pubblico per il Parco Nord, infatti, arriva dopo un lungo lavoro ai fianchi nei confronti dell’amministrazione da parte di Italia Unica, che con la sua sezione locale aveva sollecitato il Comune, già da marzo, ad intervenire alla periferia della città con un atto di questo genere, trovando persino un imprenditore parmigiano pronto ad investire fino a 30 mila euro.B. F.