Archivio

bedonia

Una giornata golosa al sapore di tartufo

di Giorgio Camisa

17 ottobre 2015, 21:41

Una giornata golosa al sapore di tartufo

E’ ormai tutto pronto, a Bedonia, per la seconda edizione della fiera del tartufo della Valceno. Amministrazione comunale e Centro commerciale naturale bedoniese hanno allestito un programma che vede al centro dell’attenzione i profumi ed i sapori della «perla nera» della montagna.

Domattina, alle 9.30, si alzerà il sipario e verranno accesi i riflettori sull’evento che avrà, come ospite d’onore, il giornalista e gastronomo Edoardo Raspelli, apprezzato conduttore di «Melaverde», e come madrina Ksenia Zaynak Pedrazzini. Cultura e sapori saranno dunque i protagonisti: in mattinata, alle 11, un convegno, presieduto proprio da Raspelli, in cui amministratori, esperti e operatori commerciali si confronteranno e discuteranno sulla valorizzazione di questo prezioso tubero dal sapore unico. Per i buongustai ci saranno grandi e uniche possibilità con due menu appositamente studiati per dare la possibilità di gustare il tartufo a prezzi accessibili.

E poi porte aperte al seminario vescovile dove, per una volta, si potranno visitare i musei di storia antica, la biblioteca, le mostre e il secolare refettorio. Grande impegno e impiego di risorse per questo appuntamento che nasce quest’anno con l’obiettivo di coronare un progetto importante di valorizzazione del territorio.

Da circa due anni, l’Amministrazione comunale e il Centro commerciale naturale di Bedonia stanno cercando di valorizzare il potenziale del preziosissimo tartufo della vallata, un progetto studiato per la creazione di una vera e propria filiera di un prodotto che potrà generare nuove opportunità e posti di lavoro per rilanciare l’economia di un’intera vallata.

«Partendo dall’esigenza di creare vivai specifici per l’innesto delle spore del tartufo nelle radici delle piante, per poi passare alla tutela delle aree di raccolta e quindi alla creazione di un vero e proprio punto di raccolta e distribuzione del prodotto - ha voluto specificare Katia Sbarbori presidente del Centro commerciale naturale bedoniese -. Un processo che poi terminerà con la creazione di un laboratorio di trasformazione del prodotto con un marchio di tutela denominato “Tartufo della Valceno”. Il festival del tartufo di Bedonia ha come obbiettivo quello di lanciare in modo forte e ben strutturato questo prodotto, inserendolo in un mercato che ad oggi vede altre realtà molto affermate come il fungo porcino e le torte salate». Il festival e la fiera saranno una vetrina straordinaria con l’esposizione e la vendita del prodotto per le vie del centro, il tutto coronato dal pranzo di gala di domani con un’insolita degustazione e nel pomeriggio assaggi di un prodotto di straordinario profumo e sapore. Non mancheranno, naturalmente, musica e spettacoli itineranti e tanti altri stand con prodotti enogastronomici di varie provenienze.