Archivio

fidenza

Croce rossa, i volontari hanno una nuova «casa»

Inaugurazione Grande festa ieri al quartiere artigianale La Bionda

18 ottobre 2015, 23:09

E’stato un grande giorno ieri per la Croce Rossa fidentina: festoni, palloncini, fiori, nei colori della Cri, hanno accolto tantissime autorità, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede di via La Bionda, 3. Gli onori di casa sono stati fatti dal presidente Cri di Fidenza, Annarita Tanzi con numerosi volontari. Per l’occasione sono intervenuti il vescovo monsignor Carlo Mazza, il sindaco Andrea Massari, con gli assessori Frangipane, Malvisi, Bonatti e il presidente del consiglio comunale Amedeo Tosi, l’ispettore nazionale corpo infermiere volontarie Cri, Monica Dialuce, il presidente regionale Cri, Antonio Scavuzzo, il direttore regionale Cri, Claudio Malavasi, il presidente provinciale Cri Giuseppe Zammarchi e tanti altri.

Erano presenti con i labari anche rappresentanze di associazioni di volontariato della città. «Per noi oggi è un grande giorno – ha esordito Annarita Tanzi – arrivato alla fine di lungo e complesso percorso. Dalla nostra “baita” in legno siamo arrivati a questa bella struttura, che sembra piccola, ma che ha tutto il necessario. E’ stato un progetto condiviso con tutti i nostri volontari. Un grazie vada al coordinatore infermieristico di Vaio, prezioso collaboratore e amico, Roberto Casetti, per l’aiuto che ci dà. Colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone che ci hanno aiutato in vari modi a realizzare la nostra nuova sede, sia chi ci ha offerto gratuitamente la propria opera, ma anche il materiale, chi ci ha fatto enormi sconti. Insomma grazie di cuore a tutti. In particolare all’ingegnere Gianfranco Uni, per la progettazione, che è diventato un volontario pure lui». Il presidente provinciale Cri Zammarchi ha parlato di una provincia unita e coordinata.

«Il gruppo Cri di Fidenza è molto forte – ha aggiunto il direttore regionale Cri, Malavasi - ma anche in tutto il parmense i volontari sono centinaia. Le amministrazioni che si sono succedute hanno sostenuto e creduto in questo progetto e qui vediamo il meglio del pubblico e del privato». Il sindaco Andrea Massari ha sottolineato la vicinanza della città a queste istituzioni. «La Croce Rossa è un’eccellenza del territorio, non solo sotto l’aspetto del soccorso, ma anche nel campo della formazione e del sociale. Fidenza può contare sull’ospedale di Vaio, sulla Croce Rossa, sulla Pubblica Assistenza e si ha la percezione di assoluta qualità».

Anche il presidente regionale Scavuzzo ha parlato di grande risultato per Fidenza. «Qui c’è un bellissimo nuovo contenitore, ma che è riempito di un prezioso contenuto: i volontari». L’ispettore nazionale corpo infermiere volontarie Cri ha definito la Croce Rossa di Fidenza «una perla in più». «Complimenti a voi e al vostro presidente, una donna, il cui tocco si vede. Sono orgogliosa di essere nella Cri da 35 anni, un’istituzione che non fa politica. Siamo a servizio di chiunque abbia bisogno, al di là di razze e religioni».

Infine il vescovo Carlo Mazza ha espresso il grande compiacimento per la nuova sede. «La città ha espresso il meglio di sé e la Croce Rossa protagonista della storia dell’Unità d’Italia, continua a custodire e a comunicare affetti». La benedizione, il taglio del nastro, la festa continuata con altri momenti sino al tardo pomeriggio ha concluso la giornata.